Martedì, 05 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Spiagge pulite sbarca a Santa Domenica. Protagonisti i giovani studenti ricadesi

Spiagge pulite sbarca a Santa Domenica. Protagonisti i giovani studenti ricadesi

Continuano le attività di Legambiente sul litorale vibonese. Dopo S. Maria, il Circolo Legambiente Ricadi, unitamente all’Istituto Comprensivo e al Comune, si sono ritrovati sulla spiaggia di Formicoli a Santa Domenica per la storica iniziativa Spiagge Pulite che, ogni anno, accomuna migliaia di cittadini e volontari in un’azione di cittadinanza attiva per dare decoro alle spiagge prima dell’avvio della stagione estiva. Oltre alle spiagge del litorale italiano, anche quest’anno, sono state coinvolte molte spiagge dei paesi che si affacciano sul mediterraneo, un modo per ribadire che la tutela ambientale e la salute del mare non può essere soggetta a confini.

Protagonisti dell’iniziativa, anche in questo caso, sono stati i giovani studenti e, nello specifico gli alunni della scuola primaria e le seconde classi della scuola secondaria di primo grado del plesso di Santa Domenica. In una splendida giornata di sole i ragazzi hanno invaso per un giorno una delle spiagge simbolo del litorale vibonese, colorandola del giallo dei cappellini e dei gilet che hanno indossato per l’occasione. “Riprendiamoci la spiaggia” è stato lo slogan coniato da Legambiente per quest’edizione, per testimoniare la consapevolezza che le spiagge sono un bene comune e che, pertanto, devono essere custodite e rispettate in modo responsabile.

Le attività di pulizia sono state precedute dai saluti degli organizzatori ma soprattutto da alcuni interventi finalizzati all’educazione ambientale. Lo scopo principale dell’iniziativa è stato, infatti, la sensibilizzazione dei giovani partecipanti a comportamenti improntati al rispetto dell’ambiente e ad azioni ecosostenibili. Temi questi che hanno caratterizzato l’intervento di apertura del presidente del Circolo di Ricadi Franco Saragò e di tutti gli intervenuti. Oltre ai volontari del circolo sono intervenuti il vice sindaco Domenico Locane che ha, tra l’altro, sottolineato l’importanza dell’educazione ambientale per formare i cittadini del futuro e, in rappresentanza della scuola, la fiduciaria di plesso Daniela Maurici che, dopo aver portato i saluti della Dirigente Scolastica Maria Salvia, si è soffermata sul ruolo della scuola in ambito formativo e sulla proficua e consolidata collaborazione con il locale circolo ambientalista. A seguire gli interventi della Guardia Costiera, che, come avviene da vari anni, arricchisce di contenuti le iniziative promosse dai circoli vibonesi di Legambiente. Presenti il Sottotenente di vascello Np Matteo Oliano, il Capo di prima classe Np Vincenzo Del Rosso, il Sottocapo di prima classe scelto “Qs” Francesco Maiano e il Sottocapo di prima classe scelto Fabio Fedele. I rappresentanti della Guardia Costiera hanno illustrato ai ragazzi le attività svolte a tutela dell’ambiente marino soffermandosi sulle azioni di salvataggio in mare e sulle regole da seguire dai bagnanti per evitare di incorrere in pericoli. Una bella e articolata lezione di educazione ambientale che ha catalizzato l’interesse dei partecipanti rendendoli coscienti di un utilizzo consapevole e responsabile del mare. Conclusa la parte didattica, gli studenti, accompagnati dai propri insegnanti e dai volontari di Legambiente, si sono cimentati nell’attività di pulizia dell’arenile. Anche in quest’occasione a fare da cornice alle attività è stata la motovedetta della Guardia Costiera che ha stazionato, durante il corso della manifestazione, nelle acque antistanti.

L’iniziativa, alla quale hanno collaborato anche i gestori dei lidi adiacenti, si è rivelata molto proficua ed è stata caratterizzata dall’interesse dei ragazzi e dall’attivismo della scuola che investe costantemente sulla formazione civica dei cittadini del futuro. Nonostante la spiaggia si presentasse pulita, i volontari hanno scovato, tanti rifiuti, la cui tipologia non si discosta dal resto d’Italia. A prevalere, anche in questo caso è stata la plastica, la microplastica e i mozziconi di sigarette a testimoniare che è necessario un cambio radicale dello stile di vita di molti cittadini.

 

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook