Sabato, 26 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Violazioni urbanistiche a Lamezia, sequestrata un'area di 7 mila mq

Violazioni urbanistiche a Lamezia, sequestrata un'area di 7 mila mq

I Finanzieri del Gruppo di Lamezia Terme, nell’ambito di indagini in materia di tutela ambientale e salvaguardia del territorio, hanno individuato un’area in un Comune della Presila Catanzarese di circa 7 mila mq con estesa presenza boschiva, nella quale era stato eseguito uno sbancamento di notevoli dimensioni con mezzi meccanici posti nelle immediate vicinanze. All’interno dell’area erano presenti degli immobili di considerevoli dimensioni nelle cui vicinanze risultavano depositati ingenti quantità di materiali edili di vario genere.

Pertanto i militari, insospettiti dalla presenza del materiale edile e per le modalità di scavo eseguito, tra l’altro, in prossimità di una rete ferroviaria, sono entrati nell’area al fine di verificare la regolarità degli interventi, ovvero il possesso dei titoli autorizzativi per l’esercizio delle attività commerciale legata alla presenza dei materiali edili e dell’estrazione del materiale inerte.

Nel corso del controllo, i militari hanno appurato che l’area era nella disponibilità di un’azienda locale dedita alla commercializzazione di materiale edile, che utilizzava gli immobili come magazzini e, impiegando i mezzi di movimento di sua proprietà, ha condotto altresì l’attività di estrazione di materiale inerte scavando la limitrofa area boschiva. L'azienda, al fine di aumentare la superficie dei piazzali utilizzati
come deposito di materiale edile destinato alla vendita, aveva incanalato le acque di un canale - che attraversava l’area sbancata - all’interno di una condotta in cemento e, attraverso i mezzi di movimento, aveva riempito l’alveo con terreno successivamente livellato al piano dei piazzali già esistenti.
Le successive verifiche presso gli Enti competenti hanno permesso di rilevare che gli immobili erano stati realizzati abusivamente in area sottoposta a vincolo idrogeologico e che l’azienda esercitava l’attività di estrazione del materiale inerte senza alcuna autorizzazione. Le investigazioni hanno consentito di acquisire gravi indizi di reità a carico degli amministratori della società e dei proprietari dei terreni interessati, per plurimi reati in materia ambientale ed abusivismo edilizio, e di sottoporre a sequestro preventivo l’intera area della superficie di circa 7.000 mq.
L’attività d’indagine, che si inserisce in un più ampio progetto predisposto dalla locale Procura, conferma il costante impegno delle Fiamme Gialle a tutela dell’ambiente, della salute e della sicurezza dei cittadini.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook