Mercoledì, 18 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo

L'allegria del Carnevale invade anche San Costantino Calabro

di

L’attesa è terminata, l’allegria e i colori del Carnevale hanno invaso San Costantino Calabro e le sue strade per diversi giorni. La festa mascherata per eccellenza, che ogni anno i bambini aspettano con trepidazione, si è svolta ancora una volta con una grande partecipazione da parte della popolazione e numerose attività diventate ormai affermate tradizioni.

La partenza sabato 2 marzo con il “Carnevale dei bambini”, una sfilata in maschera dei bambini fino a dieci anni organizzata nei locali della scuola materna dall’associazione culturale e sportiva “L’Essenza” guidata dal presidente Mariagrazia Mercatante, per dare un premio alla maschera più bella, a Miss e Mister Eleganza, Paura, Simpatia, Cartoons e alla migliore Maschera Tradizionale, Colorata e Originale.

Dai piccoli festeggiamenti di sabato il salto a quelli notevoli di martedì con la “XXXVIII Edizione del Carnevale Sancostantinese”. La manifestazione organizzata dall’amministrazione comunale del sindaco Nicola Derito, probabilmente la più longeva della provincia di Vibo Valentia, ha divertito per tutto il pomeriggio la comunità del piccolo paesino.

A partire dalle 15:00 Viale Rimembranze si è animato e rivestito con musica, colori e maschere grazie alla presenza di cinque carri allegorici, dei numerosi gruppi in maschera e da tante tante persone truccate e camuffate che hanno realizzato un lungo corteo che si è diramato tra le vie principali per poi terminare in piazza per le premiazioni dei concorsi a premi dei carri e dei gruppi in maschera con un concorso speciale dedicato alle scuole.

L’arduo compito di giudicare quest’anno è stato affidato ad una giuria formata da cinque membri preparati e competenti, Manuela Denami (esperta di arte e pittrice), Caterina Callipo (esperta di arti figurative), Tonino Denami (scultore), Cristian Signoretta (ballerino e maestro di danza), Vincenzo Vallone (architetto), i quali a fine serata hanno decretato i vincitori dei considerevoli premi in denaro.

Per i gruppi in maschera concorso scuole, primo premio alla classe III della scuola primaria di San Costantino con il tema “riciclo e legalità…in un mondo a colori” che ha ricevuto la somma di 200 euro, secondi il gruppo “Moneys” della I classe della scuola secondaria di primo grado sempre di San Costantino Calabro con un premio di 150 euro.

Per la categoria “gruppi in maschera a piedi” associati ai carri, primo classificato “per l’originalità del tema, la cura dei particolari e la coordinazione dei movimenti” il gruppo “Alitalia” che ha ottenuto il premio di 200 euro, secondo “la famiglia Addams” (150 euro), terzi il gruppo “Il Burattinaio: ignavia e libero arbitrio” (100 euro).

Per finire i premi più attesi ai carri allegorici, in questo caso al primo posto un ex aequo per i carri “Il Burattinaio: ignavia e libero arbitrio” e “La famiglia Addams” perché “nonostante la diversità tematica i due carri si equivalgono nella lavorazione manuale della carta pesta, nella maestria della tecnica di pittura e per l’ingegno adottato nell’utilizzo dei numerosi impianti meccanici ed elettronici”, ad entrambi il premio va il premio in denaro di 800 euro. Secondo il carro “Alitalia” che conquista 600 euro, terzo “Divinità greche” che ottengono l’ultimo premio di 400 euro.

La conclusione della giornata e delle manifestazioni carnascialesche come ogni anno spetta alla Pro loco guidata da Costantino Suppa, con la popolare “A morti i Carnalavari”, al calare della notte, un lungo corteo colorato e schiamazzante ha accompagnato in piazza Dante il fantoccio di Carnevale per essere bruciato in pubblico in un grande falò.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook