Lunedì, 18 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Foto Cultura Al liceo scientifico di Lamezia si parla d'ambiente con relatore "Capitan Ultimo"

Al liceo scientifico di Lamezia si parla d'ambiente con relatore "Capitan Ultimo"

Penultimo giorno di scuola, penultimo giorno di un anno particolare che volge al termine, altalenante tra chiusure e aperture, attività in remoto e in presenza. Eppure la Dirigente del Liceo Scientifico Galilei, prof.ssa  Teresa Goffredo, ha voluto salutare gli studenti, lasciando loro un messaggio positivo,  invitando un relatore d’eccezione, il colonnello Sergio De Caprio, meglio noto come  “Capitan Ultimo”. Ad apertura evento,  la Dirigente si dichiara emozionata  e felice che il colonnello abbia mantenuto la promessa, fatta durante la "Maratona della Legalità", di incontrare personalmente gli studenti che nel precedente incontro da remoto, avevano dimostrato particolare interesse per le tante tematiche affrontate. Alla giovane utenza, De Caprio è stato presentato da Don Nino Vattiata, dell’Associazione Capitan Ultimo, non solo come attuale assessore all’ambiente della Regione Calabria, ma anche come colui che ha arrestato il Boss Totò Riina, il 15 gennaio 1993,  premettendo come l’intera operazione dell’arresto, su cui è stata anche realizzata una fiction televisiva, sia stata  solo una parte della lunga ed eroica carriera che lo ha visto protagonista.

Prima che si aprisse un vivace e proficuo dibattito tra l'ospite e gli studenti, hanno preso la parola, come relatori,  il Dott. Giuseppe Gaccione, VicePresidente dell’Associazione “ConDivisa” e la Dott.ssa Lia Staropoli, Presidente dell’Associazione “ConDivisa Sicurezza e Giustizia”. Il Dott. Gaccione ha esortato i ragazzi a non abituarsi all’illegalità, ad essere rivoluzionari per le giuste battaglie, per i grandi ideali e per i loro sogni, perché  negli anni futuri di ognuno,  aver combattuto le proprie battaglie, significherà  poter mostrare  ferite di cui essere orgogliosi. La Dott.ssa Staropoli ha esposto emozionata la sua esperienza, come giovane fondatrice dell’Associazione" Ammazzateci Tutti" e poi come Presidente dell’Associazione " ConDivisa",  denunciando come spesso le forze dell’ordine non sempre sono elogiate e apprezzate come sarebbe giusto accadesse.  In realtà,   la loro divisa è da loro onorata ogni giorno, ed ogni giorno è messa a rischio la loro vita.

Gli studenti delle classe 3 E, guidati dalla docente Saveria Sesto, hanno poi voluto rendere omaggio al colonnello, presentando un excursus sulla sua vita  e sulle sue operazioni più importanti, come militare e come uomo politico , Il tutto attraverso una interessante rassegna stampa.

Quando prende la parola Capitan Ultimo, l’uditorio, attento e  silenzioso, ne ascolta  l’elogio, fortemente sentito , nei confronti dell’Arma, per quello che fa ogni giorno per la Comunità, mettendo tante volte a rischio la propria vita, soprattutto in quelle realtà in cui forte è la presenza delle associazioni malavitose. Gli studenti, apparsi molto interessati alle problematiche ambientali,  hanno rivolto tante domande, nate dalla percezione che avrebbero avuto risposte  ai tanti loro dubbi. Partendo dalla importanza di utilizzare le risorse energetiche per il bene di tutti, tanti sono stati poi i temi toccati, tante le domande dei ragazzi: dall’ambiente, alla criminalità organizzata, ai problemi del territorio. Quando si è poi toccato il tema del dono, argomento  cardine dell'evento, sulle domande degli studenti, i quali  hanno posto  il problema se in una società materialista e individualista come la nostra, possa ancora essere forte il sentimento del donare,  Capitan Ultimo risponde con un grande messaggio da cui fuoriesce una grande umanità e sentimento  di speranza: Il dono fa parte della vita di ogni uomo e  di ogni tempo. Le numerose risposte offerte dall'ospite si possono racchiudere con l'ultimo intervento quando, rivolgendosi,  non senza partecipata emozione,  agli studenti , li invita a riappropriarsi di ciò che può valorizzare territorio e ambiente - Cominciamo dalle energie rinnovabili, dalle smart-city, dalle città intelligenti che non fanno spreco. Valorizziamo ciò che abbiamo. Comprendete  i doni che ci circondano, non solo la bellezza dei paesaggi, ma anche della conoscenza, della preghiera e delle attenzioni di coloro che vi stanno vicino e che si preoccupano per voi quando tornate tardi la sera, perché nulla è scontato.- Un messaggio diretto, dunque, quello che arriva da Capitan Ultimo: “perché a salvare il Paese non sono i grandi eroi, ma i giovani che credono nel futuro. Io se guardo voi, non ho paura”. Un lungo e caloroso applauso di congedo, ha poi salutato  l'eccezionale ospite dell'evento, che il Dirigente Goffredo  ringrazia  nuovamente  per aver offerto ai  suoi studenti un importante e significativo  momento di crescita.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook