Mercoledì, 29 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Foto Cultura “La città delle pietre”, il tentativo di dare un significato ai sassi di Nardodipace

“La città delle pietre”, il tentativo di dare un significato ai sassi di Nardodipace

Continua a regalare atmosfere originali e uniche la prima edizione del  “Megalithos Festival”, promosso dal Comune del piccolo centro montano del vibonese in collaborazione con  le  associazioni “Stilaro Trekking”, “Casale” di Fabrizia e “Solo Sentieri”che chiuderà i battenti domani nel Geosito A.

Ieri pomeriggio, ai piedi delle misteriose e maestose "pietre" è andata in scena una suggestiva rappresentazione teatrale affidata alla bravura e alla creatività della cooperativa Edizione straordinaria Scuola di teatro Enzo Corea che recupera l’appuntamento mancato di domenica scorsa, saltato a causa del maltempo.

 “La città delle pietre”  è il tentativo intimo e riuscito da dare un significato ai sassi di Nardodipace. Gli allievi e le allieve del direttore artistico Salvatore Emilio Corea – che ha scritto e diretto l’opera - hanno letto e sentito varie leggende a riguardo e ne hanno voluto scrivere una propria e originale che potesse rendere questo posto ancora più magico. E così Geosito di Nardodipace, diventa la dimora dei figli di nessuno, i bambini scacciati dalla Terra del Dove che vivono ai margini di una civiltà di un tempo che fu nascosti e protetti  dai megaliti. Nel silenzioso abbraccio della montagna, all’ombra del caloroso abbraccio delle pietre, si susseguono i quadri teatrali degli  attori della compagnia diretta da Corea.

“È questa la nostra storia - dicono le ragazze e i ragazzi del Teatro di Mu - i cui i protagonisti sono ragazzi e bambini che hanno a che fare con un mondo magico, come magica è la natura di questo posto incantato. Fino all'alba che verrà. Dentro l'alba che verrà”.

Personaggi ed interpreti: Puck - Karola De Tommaso; Lenut - Valentina Mazzei;  Arami - Carlotta Abronzino; Ferula - Laura Zinni; Margherita - Arianna Aversa: Blimunda - Giulia Petrolo; Ciaula - Matilde Abronzino; Momo - Nairi Montesano; Sonja – Chiara Tallini; Ismaele - Alessandro Muleo; Alice - Giorgia Procopio; Cosette – Gaia Anzalone; Dulcinea – Giorgia Pietramala; Fedra - Elisa Argentieri Piuma; Nelly -  Sofia Trovato; Arloc - Marianna Greco; Evut - Giorgia Longo; Timbar - Davide Colicchia; Mist - Marta Anzalone. Responsabile tecnico, Davide Esposito.

Oggi pomeriggio al Geosito B  il laboratorio di campanacci seguito da  “Allerva Radicchia”, anteprima nazionale del concerto per campane a campanacci. Di Christian Ferlaino, musicista e ricercatore dell'università di Edimburgo, gli interessi del quale spaziano dalla musica di tradizione alla musica jazz e all'improvvisazione e dal concerto  per voci a cappella “A Stisa Blues” Di Rrosa Trio (Anna Maria Civico / Elena D’Ascenzo / Ambra Battistelli). Proposti cant   e sentimento nella tradizione musicale e vocale del Mediterraneo: Calabria, Abruzzo, Puglia, Sicilia, Umbria. Musica arbereshe di Calabria.

Domani la chiusura del  “Megalithos Festival”.  Dopo la “Sagra della Capra” prevista per le 13 – nel Geosito A – alle 15 è previsto il concerto per tamburi a cornice e voce di Andrea Piccioni; alle ore 16 – Trekking tra le “Pietre Incastellate”; alle ore 17 – (Geosito B) le “Risonanze tra terra e cielo”, il Coro gregoriano Ancillae Domini diretto da Licia Di Salvo.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook