Lunedì, 06 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Foto Cultura Aba Catanzaro, Luca Sivelli (feat. Vladimir Costabile) in mostra al Bocs Museum di Cosenza

Aba Catanzaro, Luca Sivelli (feat. Vladimir Costabile) in mostra al Bocs Museum di Cosenza

Dopo “Pelli di Seppia” di Simone Bergantini e “Werke Über Werke” di Bruno La Vergata, l’Accademia di Belle Arti di Catanzaro è al lavoro per preparare il terzo appuntamento espositivo realizzato in collaborazione con il Bocs Museum (diretto da Marilena Cerzoso) rientrante nella quarta edizione del progetto accademico “Ceilings”.

A partire dal 28 gennaio, infatti, le sale del Bocs ospiteranno Luca Sivelli per la sua prima mostra personale, dal titolo “Nice Party Nice People”, dopo le tante già realizzate assieme a Luigi Moio. Docente dell’Aba Catanzaro, videomaker, artista che si esprime attraverso la videografia e con essa osserva e analizza la società, Sivelli, con questa mostra, presenta il suo lavoro che ha ad oggetto un acquario e la colonia di pesci che lo popola: «La passione per gli acquari è nata quasi per gioco – racconta -. Ho iniziato a prendermene cura e man mano ho approfondito sempre di più le competenze necessarie a gestirli. E soprattutto mi sono reso conto, osservando i pesci al suo interno, che ci sono molti parallelismi tra l’organizzazione sociale che si danno loro e quella ci siamo dati noi esseri umani. Così ho immaginato a come sarebbe stato provare a “scolarizzarli”, a portarli al cinema, in discoteca o a una piccola mostra fotografica. Così ho portato nel loro mondo subacqueo alcune di queste attività e ho filmato il loro modo di reagire e interagire», spiega l’artista.

Ne è scaturito un video, in cui il sound design è stato curato da un altro docente dell’Accademia di Catanzaro, Vladimir Costabile, che sarà il focus dell’esposizione al Bocs Museum e lo sarà in duplice modalità. Giocando su prospettive e rifrazione della luce nell’acqua, infatti, un acquario posto al centro della sala farà da “lente” o da “ambientazione” per il filmato (riprodotto da un monitor), a seconda del punto di vista da cui l’osservatore si pone. L’acquario, in allestimento minimale “total black” e senza pesci, si animerà, quindi, proprio grazie al filmato dando vita a quella che può anche essere vista come un’installazione artistica in realtà aumentata “dal vivo”, senza l’ausilio di filtri digitali come la fotocamera di uno smartphone. Inoltre, l’esperienza artistica mira a coinvolgere direttamente altri sensi oltre a vista e udito attraverso l’esposizione di tre grandi tele realizzate utilizzando i rifiuti organici dei pesci e da una ciotola di alghe secche, materiale di scarto dell’acquario, da toccare.

A curare l’allestimento della mostra, i docenti dell’Accademia di Belle Arti di Catanzaro Simona Caramia e Giuseppe Negro. L’esposizione sarà inaugurata, come detto, il prossimo 28 gennaio, alle ore 11:00, e sarà visitabile fino a fine febbraio secondo i seguenti orari: dal martedì al venerdì, dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 19; sabato, dalle 9 alle 13.

Il Bocs Museum è a Cosenza, in piazza Tommaso Campanella, 22, all’interno del Complesso Monumentale di San Domenico.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook