Mercoledì, 18 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Foto Politica Vibo, piazza gremita per la chiusura della campagna elettorale di Occhiuto

Vibo, piazza gremita per la chiusura della campagna elettorale di Occhiuto

Una piazza gremita, ovazioni in serie e la dirigenza di Forza Italia al gran completo per la prima volta a Vibo Valentia per la chiusura della campagna elettorale del candidato di centrodestra Roberto Occhiuto. Dall’aspirante governatore - circondato dai massimi esponenti del partito, a cominciare dalla senatrice Licia Ronzulli e dal coordinatore regionale Giuseppe Mangialavori, passando per i presidenti di Piemonte e Basilicata Alberto Cirio e Vito Bardi, senza tralasciare il sindaco di Vibo Maria Limardo e il responsabile di FI per il Sud Francesco Cannizzaro - sono partiti messaggi chiari all’elettorato, senza alcuna polemica, per l’ennesima volta, con i suoi avversari. “Governare questa Regione -ha esordito Occhiuto -non sarà un sacrificio come molti mi dicono, ma un privilegio. Noi punteremo a far decollare la Calabria con le risorse del Pnrr e scrivere insieme un’altra storia”. Perché “questa è una regione governabile, non quella perduta che altrove pensano. E il Pnrr – continua Occhiuto – ci consentirà di realizzare infrastrutture e investire sul porto di Gioia Tauro. Valorizzeremo le risorse culturali: i nostri giacimenti culturali possono diventare un grande attrattore turistico. Siamo poi nella terra di Natuzza, anche questo è un attrattore turistico”. Inevitabile il passaggio sulla sanità: “Pretenderò dal Governo la restituzione della sanità ai calabresi. Ogni anno spendiamo 320 milioni di mobilità passiva, quanto costerebbe in ospedale di avanguardia che continuiamo a non fare in Calabria”. Quanto alla criminalità organizzata, “a noi fa schifo -ha chiosato Occhiuto -ma non può essere l’alibi degli incapaci per dire che nulla si può fare”. L’affondo agli avversari lo ha portato, invece, il coordinatore regionale di FI Giuseppe Mangialavori, dopo l’ovazione del videomessaggio del presidente di Fi Silvio Berlusconi:  “Occhiuto è una persona competente, mentre dall’altra parte c’è il peggio: Mario Oliverio che tanti danni ha fatto alla nostra terra; il forestiero Luigi de Magistris in cerca di fortune che ha l’unico condannato in questa competizione elettorale, lo stipendio lo cerchi in Campania andando a lavorare; e l’agnello sacrificale, la competentissima (al microscopio) dottoressa Amalia Bruni, caduta nella trappola infernale del Pd, una personalità ingenua presentata al pubblico”. E ancora: “È venuto Conte pensando di offendere la nostra intelligenza – ha chiosato Mangialavori – quando è lui che ci ha portato i commissari incompetenti, tra cui l’attuale commissario, il prefetto Longo, “bravissima persona ma assolutamente inadatto a governare la sanità”.

L'intervento di Berlusconi

Intervento telefonico del presidente Silvio Berlusconi alla manifestazione di chiusura della campagna elettorale in Calabria organizzata, a sostegno di Roberto Occhiuto, da Forza Italia a Vibo Valentia. "Care amiche e cari amici della Calabria, non sono lì di persona ma sono con voi con il cuore, con la passione, con l’entusiasmo che Roberto Occhiuto ha saputo suscitare anche in me in questa breve ma intensa campagna elettorale. Ormai ci siamo, mancano solo poche ore e la Calabria potrà riprendere il suo sogno. Quello di diventare simbolo del riscatto del Sud. Sarete voi a deciderlo, con il vostro voto e soprattutto con il vostro impegno a convincere i vostri amici, i vostri colleghi, i vostri familiari, i vostri conoscenti, ad andare a vorate domenica e lunedì. Dovete vincere, dobbiamo vincere. Ma non ci basta vincere, la Calabria deve far sentire forte la sua voce per dare il segnale di un sud che non vuole più essere in fondo alle classifiche, dimenticato dalla politica nazionale. I migliori cittadini d’Italia sono per gran parte del Sud, nella cultura, nella scienza, nell’imprenditoria, ma per dimostrarlo per troppi anni hanno dovuto lasciare la propria terra e imboccare la via dolorosa dell’emigrazione al nord o addirittura all’estero. Questo non deve più accadere. Dobbiamo lavorare per rendere possibile il contrario. Perché la Calabria sia una terra da desiderare, non da lasciare. Una Calabria nella quale impresa, università, ricerca, sanità, scuola possano operare ai massimi livelli. Vogliamo che siate orgogliosi di essere calabresi non soltanto per la bellezza della vostra terra, la ricchezza della vostra storia, la bontà del vostro clima e dei vostri prodotti, ma anche per la qualità della vita, del lavoro, e dell’impresa. Io sono orgoglioso di essere stato il Presidente del Consiglio dei Governi che hanno investito più risorse, più soldi al Sud nella storia della Repubblica. Volevamo il Ponte sullo Stretto, che avevamo progettato, finanziato, messo in cantiere, e poi la sinistra l’ha bloccato a costo di pagare penali altissime. Oggi si torna a parlare del Ponte e questo mi fa piacere, perché è una grande occasione di sviluppo e di lavoro per la Calabria e la Sicilia. Ma se avessero lasciato fare a noi, il ponte sarebbe già una realtà. Veniamo ad oggi! Noi vogliamo come Presidente della Calabria Roberto Occhiuto, perché è uno dei nostri migliori dirigenti, è uno dei miei collaboratori più vicini, è il nostro capo gruppo alla Camera. Roberto ha l’amore per la sua terra, l’esperienza, la competenza, la passione, le relazioni necessarie per riportare la Calabria al centro, dell’Italia e dell’Europa. Forza Italia sarà sempre con lui a sostenerlo ed aiutarlo. Abbiamo inserito Nelle nostre liste elettorali abbiamo scelto candidati di alto profilo, che rappresentano il meglio della società civile. Donne e uomini che hanno dimostrato concretamente, nella trincea del lavoro, la loro capacità di realizzare risultati concreti. La vittoria di Roberto e di Forza Italia porterà alla guida della Calabria un centro-destra liberale, cristiano, europeo, capace di pensare in grande ma soprattutto di realizzare i vostri sogni. Un buon governo di centro-destra come quello già alla guida di tante regioni italiane. Alberto Cirio e Vito Bardi sono bravissimi governatori di Forza Italia e sono venuti qui a condividere con Roberto la loro esperienza, e li saluto con affetto. Rivolgo anche un saluto affettuoso al nostro coordinatore regionale, Beppe Mangialavori, con i complimenti per tutto quello che ha fatto in questa campagna elettorale, saluto con affetto tutti i parlamentari e tutti gli eletti di Forza Italia in Calabria, ai quali va la mia stima per il loro grande e costante impegno, E dico ancora grazie a tutte le azzurre e gli azzurri della Calabria. Per le prossime ore in questo finale della campagna elettorale, chiedo a tutti voi il massimo impegno, non solo per vincere, ma per trionfare! Perché se oggi non sono riuscito ad essere con voi, voglio assolutamente venire in Calabria per festeggiare la grande vittoria di Roberto, di Forza Italia, di voi tutti. Quindi per le prossime ore, fatevi tutti sacerdoti, soldati, missionari di libertà. La Calabria lo merita, l’Italia lo merita, voi lo meritate. Vi saluto e vi abbraccio tutti con affetto, Forza Roberto, Forza Calabria e naturalmente Forza Italia!"

© Riproduzione riservata

PERSONE:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook