Venerdì, 23 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo

Maschere di cartapesta, acrobazie e balli: a Mileto il quinto "Raduno dei giganti" - Foto

Circa ventimila persone provenienti da ogni parte della Calabria hanno partecipato al quinto raduno dei giganti che si è svolto venerdì sera a Mileto. Circa quaranta le coppie di cartapesta presenti all’evento in un susseguirsi di suoni e di colori che con le loro acrobazie hanno deliziato grandi e bambini. Per un’intera serata queste figure mitiche, con in testa la regina indigena Mata e il re turco Grifone, hanno attraversato, sotto l’incalzante rullo dei tamburi e l’incitamento dei presenti, le vie della cittadina per poi ritrovarsi tutti insieme in un unico abbraccio collettivo, in piazza Pio XII dove la gente ha tributato loro ripetuti applausi.

Infine, il ballo finale con il quale anche stavolta i giganti di cartapesta hanno voluto esprimere davanti al popolo in festa tutta la loro gioia per la ritrovata libertà e per essere quindi, finalmente, riusciti a smarcarsi dalla cappa degli oppressori. Un rito che in chiave moderna, se si vuole, può anche essere visto come il desiderio della gente di liberarsi dalle arroganze, dai luoghi comuni e dal ricorrente pregiudizio. Ospiti d’onore della serata sono stati, in qualità di presentatrice dell’evento, l’inviata di RaiUno Maria Elena Fabi e per il secondo anno consecutivo il conduttore di “Striscia la notizia” Enzo Iacchetti.

I due personaggi qualche ora prima del raduno sono stati anche ricevuti nella sala consiliare di “Palazzo dei Normanni” dove a Iacchetti è stato conferito un encomio solenne da parte del civico consesso cittadino. Sono seguiti i saluti del sindaco Salvatore Fortunato Giordano e di Nicola Evolo in qualità di rappresentante del comitato organizzatore. Agli ospiti è stata anche consegnata una targa da parte della locale sezione dell’Avis. Nell’occasione particolarmente emozionato per l’accoglienza ricevuta si è mostrato Enzo Iacchetti che con la sua simpatia e intelligenza è riuscito a conquistare il cuore di tutti i miletesi.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook