Giovedì, 21 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Società

Home Foto Società Nuoto, l'atleta speciale Salvatore Cimmino si misura nella “Tropea-Capo Vaticano”

Nuoto, l'atleta speciale Salvatore Cimmino si misura nella “Tropea-Capo Vaticano”

di

È partito questa mattina da Marina dell'Isola la 12esima tappa, Tropea-Capo Vaticano, delle 17 in programma, del "Giro d'Italia a nuoto 2021" di Salvatore Cimmino, straordinario nuotatore privo di una gamba che da settimane sta portando avanti, tappa dopo tappa, il suo obiettivo, risvegliare le coscienze delle istituzioni locali e nazionali e portare in primo piano le problematiche delle persone fragili perché “disabili non si nasce ma lo si diventa quando il sistema impedisce di esercitare i propri diritti di persona rimuovendo ogni divario e discriminazione”. La presentazione dell’iniziativa frutto di un impegno congiunto di Vela club Tropea e Rotary club cittadino con il patrocinio dei Comuni di Tropea e Ricadi, si è svolta ieri alla presenza, tra gli altri, del sindaco di Tropea Giovanni Macrì, il vice sindaco di Ricadi Domenico Locane, il presidente del Vela club Sabatino la Torre, del Rotary Giuseppe Purita e Dalila Nesci, sottosegretario per il Mezzogiorno. Questa mattina, partendo alle 9 circa da Tropea, Cimmino ha raggiunto dopo 17 chilometri, la spiaggia di Santa Maria di Ricadi, dopo circa 5 ore di traversata supportato dalle indicazioni di La Torre. L’atleta, che ha iniziato a nuotare a 15 anni per motivi di salute a causa di un osteosarcoma che lo ha privato di una gamba, ha macinato centinaia di miglia marine nuotando nei mari di Canada, Australia, Argentina, Israele, Africa e Stati Uniti. Il suo “Giro d’Italia” durerà 182 giorni. Cimmino è partito da Ventimiglia e concluderà il 21 ottobre con la Duino – Trieste. “L’obiettivo è ambizioso – afferma l’atleta - ricordare a tutti che oggi la disabilità, grazie alla Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone disabili, non è più un fatto privato, a carico dei singoli, ma è finalmente diventato una realtà di cui è necessario che la collettività tutta si faccia carico. Non esistono persone sbagliate, ma è la società a dover essere riabilitata quando emargina. Miglioriamo il nostro mondo in modo semplice, tangibile ed educativo”. “Siamo orgogliosi – dichiara il presidente del Vela club, La Torre – di accogliere a Tropea una tappa del giro d’Italia a nuoto e il nostro circolo farà di tutto per renderla ancora più importante”.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook