Lunedì, 05 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Società

Home Foto Società Lamezia, comunità ucraina in piazza per ribadire il "no" alla guerra

Lamezia, comunità ucraina in piazza per ribadire il "no" alla guerra

di

La comunità ucraina residente a Lamezia nuovamente in piazza per ribadire con forza il ‘no’ di uomini, donne e bambini ad una guerra che in poco più di un mese ha quasi distrutto un intero paese. Gli immigrati ucraini che vivono e lavorano in città e nel lametino si sono dati appuntamento nuovamente sull’isola pedonale di corso Nicotera per protestare contro la guerra e ogni forma di violenza. Una manifestazione pacifica, molto sentita e partecipata, voluta anche per dire ‘grazie’ a Lamezia e a tutti i Comuni limitrofi che hanno mostrato solidarietà fattiva e concreta col popolo ucraino. Anche a Lamezia Terme l’associazione Svitanok (Alba) che raggruppa gli ucraini residenti in Italia, ha deciso di raccontare la propria gratitudine per gli innumerevoli segni d’aiuto che sta ricevendo da quando è iniziato il conflitto. L’iniziativa si è articolata tra canti, preghiere e con l’immancabile esecuzione dell’inno nazionale nel continuo sventolìo di bandiere gialloblu. “Abbiamo avuto in questo mese una dimostrazione di grande solidarietà ed è giusto che pubblicamente diciamo grazie a chi ci sta dando sostegno. Così come riteniamo sia importante spiegare perché le nostre sorelle e i nostri fratelli stanno combattendo e resistendo in Ucraina”. A parlare così Stanislav Shevchenko, ormai da tempo residente a Lamezia Terme e referente dell’associazione. Alla manifestazione hanno presenziato anche il sindaco di Lamezia Paolo Mascaro e il primo cittadino di Maida, Salvatore Paone: presenze significative per manifestare vicinanza ad una comunità che soffre per i propri connazionali, vittime di un conflitto cruento e devastante. Mascaro ha anche illustrato le tante iniziative che l’ente comunale sta mettendo in campo per sostenere concretamente i profughi che stanno arrivando sul nostro in città e nel comprensorio dalla martoriata Ucraina. Interventi mirati e concreti decisi anche in collaborazione con la Caritas diocesana e con i soggetti istituzionali presenti sul territorio.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook