Domenica, 05 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Società

Home Foto Società Pizzo, inaugurata la Panchina europea dedicata alla memoria di Antonio Megalizzi

Pizzo, inaugurata la Panchina europea dedicata alla memoria di Antonio Megalizzi

Domenica 11 settembre, a Pizzo ha avuto luogo la cerimonia d’inaugurazione della Panchina europea dedicata alla memoria di Antonio Megalizzi, il giovane giornalista vittima dell'attentato di Strasburgo dell'11 dicembre 2018 . L’iniziativa è stata promossa dalla sezione locale della Gioventù Federalista Europea e dall’Associazione ‘Adesso Pizzo’, nell’ambito del progetto “Panchine Europee in ogni città”. Nella mattinata di ieri, le ragazze e i ragazzi dell’associazione ‘Adesso Pizzo’ hanno provveduto  alla tinteggiatura della panchina con i colori e i simboli dell’Unione Europea. Nel pomeriggio, invece, si è tenuta l’inaugurazione ufficiale nel piazzale antistante il castello aragonese, dove si sono alternati diversi interventi e testimonianze. Ad aprire l’incontro è stata Mariafrancesca Tozzi, vicepresidente dell’associazione ‘Adesso Pizzo’, che ha condiviso con i presenti la toccante lettera di saluto inviata dalla Fondazione Antonio Megalizzi e ringraziato il sindaco di Pizzo Sergio Pititto e l’intera amministrazione comunale per il patrocinio dell’iniziativa. Sergio Pititto, a sua volta,  ha sottolineato il suo orgoglio per i giovani pizzitani impegnati in tematiche sociali e politiche europee, che reca all’intera cittadinanza una ventata di aria fresca e di speranza. Rivolgendosi ancora ai giovani, Pititto si è detto speranzoso che insieme a loro la città di Pizzo potrà traguardare nuovi successi. E infine ha voluto ricordare un amico per la sua prematura e inattesa scomparsa, Raffaele Iorfida, consigliere comunale di Vibo Valentia, definendolo come un amico sincero e un professionista straordinario.
La parola poi è passata a  Mariasophia Falcone, membro di Gioventù  Federalista Europea, che ha sottolineato come la Panchina voglia simboleggiare  l'unità e l'identità dell'Europa che si fonda sui valori del rispetto della dignità umana, della libertà, della democrazia, dell'uguaglianza, dello Stato di diritto e del rispetto dei diritti umani, compresi i diritti delle persone appartenenti a minoranze. Ha auspicato inoltre che quanto prima avvenga quella necessaria riforma istituzionale che porti l’Unione europea ad essere una reale Unione politica e si completi, così, quello che era il progetto iniziale dei padri fondatori. A chiudere i lavori è stato Simone Folino, del Movimento Federalista Europeo della sezione di Vibo Valentia che ha evidenziato l’importanza delle diversità, anche regionali, che rappresentano un qualcosa che unisce anziché dividere.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook