Domenica, 05 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Società

Home Foto Società Soverato, l’Itt “Malafarina” celebra i 35 anni del Programma Erasmus con un evento d’eccezione

Soverato, l’Itt “Malafarina” celebra i 35 anni del Programma Erasmus con un evento d’eccezione

Venerdì 14 ottobre 2022, presso il Teatro Comunale di Soverato, l’ITT “G. Malafarina”, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale e con il Patrocinio dell’Amministrazione Regionale, Provinciale e Comunale, ha promosso “Erasmus All Around”, evento di info-disseminazione volto a celebrare i 35 anni del Programma più amato d’Europa in contemporanea con i numerosi “Erasmus Days” organizzati in tutto il continente. Coordinata dalla responsabile Erasmus+ dell’Istituto ed ambasciatrice Erasmus ed EPALE Savina Moniaci e dal dirigente Luciano Greco, da Giulio Benincasa, Nadia Crescente dell’USR. Presente la Consulta Provinciale degli studenti con la dott.ssa Franca Falduto.

La giornata ha avuto inizio con i saluti del Dirigente Scolastico Saverio Candelieri, il quale, nel fare gli onori di casa, ha sviluppato il proprio intervento attorno al concetto di Erasmus inteso come “luogo dell’anima”, sottolineando l’importanza di occasioni del genere per riflettere attorno ai valori fondamentali del processo d’integrazione europea e al ruolo decisivo che la Scuola, in sinergia con le altre Istituzioni, deve ricoprire nel promuovere ideali di pace, condivisione e tutela dei diritti. Emozionante ed estremamente significativo è stato, in tal senso, il momento dell’entrata in scena di ventisette studenti del Malafarina e delle delegazioni ospiti di Cipro e Grecia, ciascuno con la bandiera di un Paese Membro dell’Unione.

Nel prosieguo dei lavori, il Sindaco di Soverato, Daniele Vacca, ha testimoniato la ferma volontà dell’Amministrazione Comunale di camminare insieme al Malafarina e agli Istituti del comprensorio in un percorso che conduca al rafforzamento della sinergia istituzionale e che premi il raggiungimento di obiettivi comuni in chiave di sviluppo e partecipazione, con lo sguardo sempre rivolto all’Europa Unita. Dello stesso avviso, il Presidente della Provincia di Catanzaro, Amedeo Mormile, che ha ribadito con forza l’impegno suo personale e dell’Amministrazione che rappresenta a lavorare a braccetto con gli Istituti del territorio per continuare ad assicurare agli studenti la fruizione delle opportunità che il Programma Erasmus+ garantisce loro. Pur materialmente impossibilitata ad esserci di persona, la Vice Presidente della Giunta Regionale, Giuseppina Princi, ha trasmesso un messaggio al contempo pragmatico e denso d’emozione: già Dirigente Scolastica e titolare della Delega, fra le altre, all’Istruzione, la professoressa Princi ha lodato l’iniziativa e rappresentato, ancora una volta, l’impegno della Regione Calabria nel processo di individuazione e superamento delle criticità delle Scuole calabresi e nella valorizzazione dei principi cardine del Programma Erasmus+ e del sistema-istruzione, in primis l’inclusione sociale.

Assente per cause di forza maggiore anche il già Dirigente Scolastico dell’ITT “G. Malafarina”, Domenico Agazio Servello, il quale, rispondendo all'invito del dirigente Candelieri ha fatto pervenire un messaggio con cui, ripercorrendo la sua esperienza professionale e personale, ha ribadito l’importanza dell’Erasmus e messo in evidenza il ruolo centrale, nel Programma, che ha acquisito l’Istituto da lui diretto fino all’inizio del corrente anno scolastico. Notevole, poi, è stato l’intervento del Direttore Generale USR Calabria, Antonella Iunti: riflettendo sull’importanza delle priorità Erasmus, con un occhio di riguardo all’inclusione, la dottoressa Iunti ha assicurato la piena disponibilità sua e dell’Ufficio Scolastico Regionale a lavorare duramente sui territori, per investire in modelli di formazione sempre più trasversali ed accoglienti. Di enorme valore il contributo dei Rappresentanti dei tre Atenei calabresi: il professore Stefano Alcaro per Università degli studi Magna Græcia di Catanzaro, che ha rimarcato il ruolo determinante che il Programma Erasmus riveste nel settore dell’Istruzione Superiore, la professoressa Gabriella Pultrone dall’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria ed il professore Carlo Fanelli dell’Università della Calabria.

Ospite d’eccezione la Coordinatrice dell'Agenzia Nazionale Italiana Erasmus+/Indire, Sara Pagliai, che ha presentato in modo dinamico, dettagliato e coinvolgente i Programmi Erasmus+, offrendo un’informativa estremamente completa ed accessibile circa le numerose opportunità che Erasmus+ promuove: l’auspicio è che iniziative del genere contribuiscano a restituire unità e forza al processo d’integrazione europea e che la Pace fra le Nazioni torni a trionfare. Sulla stessa lunghezza d’onda, il contributo delle altre due ospiti di caratura Nazionale che hanno scelto proprio il Malafarina per festeggiare l’Erasmus Day 2022, la Direttrice dell’Agenzia Nazionale Erasmus+/Inapp, Ismene Tramontano, che ha sottolineato la forza del Programma Erasmus+, capace di creare opportunità uniche per giovani e famiglie; al suo fianco, l’Inclusion Officer, Franca Fiacco, partendo dal ricordo dei tempi in cui, studentessa, fruiva dei Programmi Erasmus, ha messo in evidenza le occasioni che, oggi, Erasmus+ mette a disposizione dei membri di quella che, in primis, è una grande famiglia. In termini di opportunità ha parlato anche l’Ambasciatrice EPALE Antonietta Fazio che, insieme alla professoressa Savina Moniaci, ha illustrato, in un conciso recap, le possibilità che il Programma Erasmus+ offre ad Associazioni, Enti ed Istituti Scolastici. Ha fatto le veci della Responsabile Europe Direct Calabria Europa, Alessandra Tuzza, impegnata a Bruxelles nel testing Panel dedicato alle scuole, il responsabile front office dell’ED Calabria Europa, Nicolò Palermo, che ha acceso un focus sulla piattaforma EUROKOM, con le innumerevoli iniziative che propone e le opportunità che crea.

Estremamente preziose, nel corso di una lunga e proficua mattinata, sono state anche le testimonianze di chi fruisce direttamente dei benefici prodotti da Erasmus+. Applauditissime Barbara Larizza e Fabiana De Luca, studentesse dell’ITE Piria-Ferraris/Da Empoli di Reggio Calabria che, accompagnate dalla docente e Ambasciatrice Scuola Erasmus, Clara Elizabet Báez, hanno testimoniato come le mobilità Erasmus+ le abbiano arricchite dal punto di vista umano e formativo. Nel settore Vet, Chiara Rosanò, studentessa dell’ITT “G. Malafarina”, ha sottolineato, inoltre, l’importanza dell’Erasmus+ dal punto di vista linguistico-comunicativo e della preparazione all’ingresso nel mondo del lavoro. Molto interessante è stato, inoltre, l’intervento di Paola Cannistrà, membro del Consiglio d’Istituto del Malafarina e, soprattutto, “genitore Erasmus”: la signora Cannistrà ha lodato Erasmus+ con particolare riferimento alle opportunità che il Programma dà alle famiglie economicamente più svantaggiate. Simone Rudi, ex allievo del Malafarina, oggi Tutor del Coordinamento Regionale Consulte Studentesche, nel raccontare il suo percorso da “studente Erasmus”, ha consigliato ai suoi coetanei ed anche ai ragazzi più giovani di tuffarsi nel mare di occasioni che il Programma offre. Commovente è stato l’intervento di Antonella Morrone, docente dell’ITT “G. Malafarina” e membro dello staff Erasmus: la professoressa Morrone ha ringraziato l’Istituto e la dimensione Erasmus per le emozioni vissute in prima persona, sottolineando come queste l’abbiano arricchita sia umanamente che professionalmente. L’evento è stato, inoltre, l’occasione per l’Istituto di mettere in mostra alcune delle migliori risorse che lo caratterizzano. Da una parte, “Radici”, momento per riscoprire i suoni, i colori, le tradizioni della nostra terra grazie al contributo messo in scena dai ragazzi del Progetto “Intersezioni Espressive”, coordinati dalla professoressa Maria Antonietta Battaglia con il supporto tecnico del Maestro Cantastorie Andrea Bressi; dall’altra, un ritorno al passato con la performance dell’ex allievo Sami Esthe estratta da “L’Odissea: il lungo viaggio”, vero e proprio gioiello nella splendida “collezione” di spettacoli dalle fortissime tinte sociali realizzati nel corso degli anni dal Laboratorio Teatrale dell’Istituto, coordinato dal professore Vincenzo Femia, che ha curato anche la Direzione Esecutiva dell’evento. Direzione Artistica affidata, invece, al paroliere e produttore discografico Antongiulio Iorfida, che ha coinvolto nella manifestazione le giovanissime cantautrici Mariagrazia Peruzzi e Federica Abbruzzo, che hanno incantato il pubblico rispettivamente con il catartico singolo “I’m Raining” e con l’esplosiva reinterpretazione di “Blow Your Mind”, successo “girl power” di Dua Lipa, oltre al duo formato da Domenico Lopilato e Gory Galati, ex allievi dell’Istituto che hanno presentato “Come fai?”, brano che racconta un amore resiliente, e il fresco finalista di “Sanremo Rock”, Maida, che ha emozionato e fatto cantare tutti sulle note di “Nel blu dipinto di blu”,  capolavoro immortale dell’immenso Domenico Modugno e manifesto della canzone italiana nel mondo.

Sono state protagoniste, inoltre, le due delegazioni ospiti di questa mobilità Erasmus+: in rappresentanza della “The English School” di Cipro, Costantinos Nearchou e la sua chitarra elettrica hanno incantato il pubblico con un mashup epico di brani famosissimi in tutto il mondo, mentre gli studenti del 5th Gymnasium di Volos, Grecia, si sono esibiti in una danza popolare talmente coinvolgente da trascinare sul palco, nel giro di pochissimi minuti, tantissimi ragazzi di ogni nazionalità, in uno splendido crogiolo di emozioni. L’evento, presentato con maestria e personalità dalla giovanissima Chiara De Franchis, studentessa del Malafarina, si è concluso con la performance da urlo delle fenomenali ballerine dell’Associazione “The Ater Ballet”, che hanno regalato al Teatro Comunale un finale memorabile sulle note di “Survivor”. Nel pubblico, fra le quasi quattrocento persone che hanno seguito con attenzione, entusiasmo e partecipazione l’evento, da segnalare la presenza dei ragazzi della cooperativa sociale “Jungi Mundu” di Camini, simbolo fortissimo d’integrazione e inclusione, in perfetta sinergia con lo spirito di una giornata impossibile da dimenticare.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook