Lunedì, 06 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Società

Home Foto Società Catanzaro, ultima settimana di “RaccontArti” all’ex Stac: ecco il calendario

Catanzaro, ultima settimana di “RaccontArti” all’ex Stac: ecco il calendario

Un viaggio entusiasmante tra le pieghe del legno, i colori delle ceramiche, i riflessi del vetro, i tratti delle pennellate sulle tele candide, i sapori e i profumi di un territorio ricco di storia e tradizione, che ha tanto da offrire e da raccontare.  E’ questo che ha voluto rappresentare e offrire “RaccontArti”, il Festival periodico delle arti e dei mestieri lanciato da Confartigianato ed aperto lo scorso 10 dicembre nella sede dell’Ex Stac, a piazza Matteotti che chiuderà i battenti sabato 7 gennaio. Ma quella che è iniziata ieri, quarta e ultima settimana di esposizioni e iniziative, che ha già assicurato momenti importanti, si preannuncia costellata di appuntamenti imperdibili con laboratori, workshop, e graditi ospiti.

La ripresa delle attività di “RaccontArti”, la scorsa settimana, ha riservato un magico incontro con la maestria artigiana dei tessitori che richiamano la storia e la tradizione dell’arte serica anche grazie alle spiegazioni della storica Angela Rubino, mentre gli antichi tessitori hanno raccontato la propria esperienza imprenditoriale: illustrate la storia del costume, del design e delle tecniche di tessitura e tintura delle stoffe in terra di Calabria.

Tra gli ospiti delle attività di “RaccontArti” nell’ultimo scorcio dell’anno un’artista dalla personalità vulcanica ed eclettica, pittrice, illustratrice di riviste internazionali, mosaicista ed esperta in cromoterapia: Luigia Granata si è esibita in una Performance di Body painting con un omaggio al cedro di Calabria. Fautrice del progetto “Dalla Carta alla Seta, l’ Arte a Passeggio”, ha raccontato come realizza capi d’abbigliamento e accessori unici e personalizzabili, dedicati prevalentemente al mondo femminile, ispirati e basati su opere d’arte, completamente fatte a mano. Le sue opere sono esposte in mostre permanenti negli Stati Uniti, in Canada e in Cina, oltre che in collezioni pubbliche e private.

E veniamo all’atteso incontro con i Liutai di Bisignano e il concerto del nostro Ettore Castagna, che ieri sera si è esibito al Supercinema dopo quasi 30 anni: era dal 1994 che non suonava nella sua città d’origine. Nel pomeriggio, all’ex Stac il maestro liutaio Andrea Pontedoro – accompagnato da Vincenzo Piazzetta e dal collega Giuseppe Canneto - ci ha raccontato come è riuscito a trasferire la tradizione plurisecolare dell’arte della liuteria rappresentata, sin dal 1700, dalla dinastia dei De Bonis di Bisignano, nel Friuli Venezia Giulia, trapiantando la loro bottega d’arte nel centro storico di Trieste, dove un liutaio in attività mancava ormai da diverse decine d’anni, diventando un punto di riferimento d’eccellenza per tanti studiosi, appassionati e musicisti del nord est d’Italia. Il maestro Andrea Pontedoro, diplomatosi liutaio nel Centro Regionale di Formazione Professionale della Regione Calabria, ha seguito gli insegnamenti per la costruzione del violino con i maestri Gabriele Carletti e Fiorenzo Copertini Amati, con la supervisione del maestro Vincenzo De Bonis e si è diplomato con il massimo dei voti. Dopo un breve periodo trascorso tra Firenze e Bologna, è stato anche ad Edimburgo dove ha creato la sua bottega: lì ha costruito violini per cinque anni. Assieme a lui, a dare forma a violini e archi, il fratello Luca. Anche Vincenzo Piazzetta ha raccontato, quindi, come i liutai di Bisignano portano avanti la loro antica tradizione artigianale proponendo strumenti che sono dei veri e propri capolavori.

In serata, un Supercinema strapieno per Ettore Castagna. Musicista, etnomusicologo, scrittore e antropologo, in questi anni è tornato a Catanzaro ospite dell’amico libraio Nunzio Belcaro per presentare i sui romanzi di successo. Ma ieri sera, con grande ironia e coinvolgimento, assieme a Carmine Torchia e Peppe Costa ha regalato le coinvolgenti melodie di Ἐρημὶα (Eremìa), un’opera musicale che ha letteralmente rapito pubblico e critica. In queste canzoni la Calabria e Catanzaro: il mare, le sue coste, i suoi massicci montuosi, ma un vero e proprio luogo dell’anima, un coacervo di culture che si mescolano, conservando la propria identità ma dando vita, mescolandosi, a un’identità “altra”, omogenea e per molti versi inscindibile.

E oggi si ricomincia raccontiamo la Catanzaro dei misteri con la visita delle gallerie sotterranee del San Giovanni insieme a Giuseppe Rachetta, Francesco Cuteri e Linda Verre. Domani c’è l’ultimo appuntamento con il corso di pittura nonni e nipoti a cura di Ancos/Confartigianato, mentre giovedì c’è un doppio appuntamento per i bambini che amano le favole:  alle 11 lo scrittore Pietro Comito legge la sua fiaba: “Quella bimba dai capelli rossi”, mentre alle 16.30 ci immergeremo nel magico mondo della “Fabbrica di cioccolato”. Epifania in allegria venerdì 6 gennaio: alle 17.30 l’atteso concerto dei Sabatum Quartet.

Nati nel 2005 da un’idea di Trieste Marrelli, Roberto Bozzo e Antonio Ungaro, il vero esordio del trio è datato luglio del 2005, ma subito dopo, l’ensemble, diventa “quartet” con l’ingresso della flautista Rosa Mazzei. Il progetto musicale si evolve in SABATUM QUARTET (dove Sabatum, sta per fiume Savuto, luogo di battesimo dei musicisti fondatori della band). Il gruppo a fine 2006 raggiunge la connotazione attuale di 7 elementi con l’inserimento in ordine di Michele Petrone, Cislengo Ungaro e Arcangelo Pagliaro. Fanno notizie in poco più di un anno le oltre 100 date inanellate dalla band in tutta la regione e non solo e ancora più straordinaria è l’affluenza di pubblico in ogni singolo concerto, trasformandolo in un vero e proprio evento.  Forse è il gruppo più anomalo e originale nel suo genere. I motivi di questa originalità sono molteplici, ma possono essere racchiusi in due semplici caratteristiche: la prima è che il gruppo, vive l’esperienza della musica etnica - popolare, senza alcun dogma, la interpreta, la arrangia e la espone al pubblico, “traviandola” ma nello stesso tempo lasciando le caratteristiche originali del pezzo, qualora si trattasse di un brano tradizionale. Questa particolarità è data dalla provenienza e dalle esperienze musicali di ogni singolo artista. La seconda caratteristica è l’apertura artistica della band, i membri, infatti, in poco tempo sono passati da quattro a sette, a testimonianza dell’evoluzione del progetto.

Ed infine, prima della chiusura, sabato pomeriggio scoprire il progetto di “Aliva”, Complementi d’arredo, realizzati con legno di potatura di ulivi secolari italiani, che difendono gli alberi, da un’idea dei fondatori Gabriel GabrieleAntonio Centorrino, Marco MacrìVincenzo Fratea.

In questi giorni espone anche la Casa Editrice "La Rondine".

Gli appuntamenti della settimana

Martedì 3 gennaio

Ore 16.30

Luogo: Ex Stac; gallerie sotterranee San Giovanni

Raccontiamo Catanzaro: Catanzaro dei misteri.

Visita delle gallerie sotterranee del San Giovanni insieme a Giuseppe Rachetta e Francesco Cuteri.

Al termine della visita, proiezione presso Ex Stac dell’interessante documentario “Segreti Passaggi” a cura di Giuseppe Rachetta che spiegherà i suoi studi sui segreti che cela il sottosuolo della città.

Mercoledì 4 gennaio

Ore 10.00- 12.00

Luogo: Ex Stac

Nonni e nipoti artisti per un giorno!

Corso di pittura nonni e nipoti a cura di Ancos/Confartigianato. Ultimo  incontro per i bambini e i nonni che hanno partecipato al corso.  Un’occasione unica per unire diverse generazioni attraverso la creatività e generare un ricordo indelebile del proprio rapporto speciale con i nonni.

Ore 18.00

L’arte delle antiche tradizioni manuali calabresi. Mirella Leone, da Tiriolo. Tessitrice e ricamatrice dei tipici “vancali”. Mirella ci porta la sua testimonianza e il racconto di come nasce un vancale, dalla materia prima alla tessitura e ci offrirà una dimostrazione dal vivo di ricamo artistico con la sua vecchia Singer. Stefania Frustaci, catanzarese, costumista ed esperta di Taglio Storico del Costume. Tre dei bellissimi abiti storici da lei creati sono in esposizione nel nostro spazio.

Giovedì 5 gennaio

Luogo: Ex Stac

Gli artigiani raccontano le fiabe:

Doppio appuntamento!

ore 11.00

 Lo scrittore Pietro Comito legge la sua fiaba: “Quella bimba dai capelli rossi”.

"Babbo Natale le ha portato tanti doni, ma non quello che la ricciolina aveva scritto nella letterina a Babbo Natale. Il destino allora decide di premiarla e, durante una gita in Sila, la piccola ricciolina incontra il cucciolo dei suoi sogni. Un incontro improvviso, inaspettato, che segnerà per sempre l'inizio di una lunga e grande amicizia. Un racconto toccante, tratto da una storia vera, che segnerà un legame che è ben oltre l'amicizia e l'amore. A seguire le illustratrici del libro faranno una piccola lezione di disegno per i bimbi presenti.

Ore  16.30

“La Fabbrica del cioccolato”.

Raccontiamo la fiaba di  Roald Dahl divenuta un classico grazie al famoso film e, al termine del racconto, la  maître chocolatier Giuliana Paonessa simulerà un vero e proprio laboratorio in cui i bambini potranno realizzare, con il suo aiuto, delle fantastiche praline di cioccolato.

Venerdì 6 gennaio

Ore 17.30

Luogo: chiostro del complesso monumentale del San Giovanni

Epifania in allegria!

Concerto dei Sabatum Quartet.

Si definiscono il gruppo più anomalo e originale nel loro genere, di sicuro impatto emotivo, divertimento assicurato! Esposizione dei quadri dipinti dai bambini durante il corso di pittura.

Consegna Premi “RaccontARTI”

Sabato 7 gennaio

mattina, ore 10.00-12.30

Luogo: itinerante

Raccontiamo Catanzaro: i Luoghi del Contemporaneo

Il tour si focalizzerà sulla produzione artistica contemporanea a Catanzaro. Iniziando con una breve passeggiata nel Rione Milano, costruito nel primo novecento con i suoi palazzi in stile Liberty, rispettando le nuove tipologie decorative di inizio '900, si proseguirà verso il centro storico impreziosito dalle opere di Street Art messe a sistema dal Museo Mudiac.

Si visiteranno due importanti luoghi d'arte contemporanea: la Galleria d'arte di tutti i tempi dell'abbandono che conserva alcune tra le opere più significative di Saverio Rotundo e la Casa della Memoria con i décollages e opere tipografiche che consentono di ripercorrere alcune tappe della produzione artistica di Mimmo Rotella e l'attività di modista di sua madre Teresa Curcio.

Alle 12.30 rientro in Ex Stac con workshop sul mosaico by Simona Canino.

ITINERARIO:

Partenza alle 10:00 da Via Indipendenza

1) Passeggiata a Rione Milano

2) Terrazzo del Complesso monumentale del San Giovanni con l’opera ‘Aria’ di Gonzalo

Borondo

3) Corso Mazzini, ‘Sanguinis Effusione’ di Giorgio Bartocci

4) Galleria d’Arte di tuO i tempi dell’Abbandono

5) Via San Nicola, ‘Supereroi’ di Alfano

6) Casa della Memoria di Mimmo Rotella

Si conclude presso Ex Stac con uno “spuntino” conviviale offerto ai partecipanti a base di caldarroste e bicchiere di vino.

Ore 17.00

Luogo: Ex Stac

Saluti e chiusura.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook