Sabato, 08 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Crotone, il video dell'aggressione di una baby gang ad un commerciante

Crotone, il video dell'aggressione di una baby gang ad un commerciante

Un’orda di ragazzini, tutti intorno ai tredici anni d’età, ha aggredito il titolare di una cartoleria ubicata nel centro di Crotone danneggiando anche il negozio

E’ stato necessario l’intervento di diverse pattuglie della Polizia e dei Carabinieri per fermare un’orda di ragazzini, tutti intorno ai tredici anni d’età, che ha aggredito il titolare di una tipografia ubicata nel centro di Crotone danneggiando anche il negozio. L’aggressione sarebbe scattata dopo che il commerciante aveva rimproverato i giovani per gli schiamazzi che stavano facendo davanti al suo esercizio. Reazione inizialmente verbale, ma che si è presto trasformata in aggressione nei confronti dell’uomo, spintonato con forza tanto da doversi rifugiare all’interno della sua cartoleria per sfuggire alla furia dei ragazzini, uno dei quali, ad un certo punto, ha brandito l’asta di ferro utilizzata per chiudere la serranda del negozio cercando di sfondare la vetrina ma è stato bloccato dall’intervento di alcuni passanti. Intento che è invece riuscito ad un altro componente della banda che ha mandato in frantumi la vetrina con un calcio.

Il ragazzino, peraltro, è già noto alle forze di polizia per altri comportamenti violenti. La situazione è diventata ancora più incandescente quando sul posto è arrivata la madre di quest’ultimo, la quale, in difesa del figlio, prima ha minacciato il commerciante di morte e di incendiargli il negozio e poi tentato di colpirlo più volte. La donna, anche lei nota alle forze di polizia, ha iniziato a minacciare anche gli agenti rifiutandosi di fornire le proprie generalità. Madre e figlio sono stati, quindi, accompagnati in Questura per accertamenti. La donna è stata denunciata per i reati di violenza e minaccia a pubblico ufficiale e rifiuto d’indicazioni sulla propria identità personale, mentre il minore, non imputabile, è stato segnalato all’autorità competente.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook