Venerdì, 21 Settembre 2018
LIGHT IN THE WOODS 2

Ruoli, uomini e affari
della cosca di Ariola

ariola, Catanzaro, Calabria, Archivio
ariola

Un’organizzazione su “scala ridotta”, ma non per questo meno efficiente e sanguinaria. L’inchiesta “Light in the woods 2” traccia i profili e indica i ruoli dei dieci presunti componenti. A iniziare dal “cervello” del gruppo, ovvero Bruno Emanuele, di 40 anni, il quale avrebbe mosso i fili del locale di ‘ndrangheta di Ariola di Gerocarne soprattutto lungo le piste della marijuana, non disdegnando di tanto in tanto la programmazione, la pianificazione e l’esecuzione di omicidi. In particolar modo quando i conti da regolare riguardavano la supremazia sul territorio e, quindi, gli affari e le casse del gruppo. L’avviso di conclusione delle indagini – notificato agli indagati a stretto giro di tempo dalle ordinanze di custodia cautelare – fornisce un quadro chiaro di quello che, a parere degli inquirenti (le indagini svolte dalla Mobile di Catanzaro sono state coordinate dal sostituto procuratore generale Marisa Manzini, in regime di applicazione alla Dda) è l’organigramma del locale di ‘ndrangheta di Ariola a capo del quale, appunto, viene
collocato Bruno Emanuele (difeso dagli avv. Giancarlo Pittelli e Vincenzo Galeota) il quale, oltre a comandare a Gerocarne avrebbe prestato la “propria opera” di killer ai Forastefano, regolando per loro conti nel Cosentino.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X