Venerdì, 20 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo
DOPO IL NUBIFRAGIO

Lamezia, i canali di scolo sono diventati una trappola

di

Abbandonati, danneggiati e isolati: questa la situazione che ancora permane nella periferia lametina, dove svariate aziende non hanno ancora terminato di fare la conta dei danni, tra fango ancora da eliminare e interi ettari di azienda da perlustrare a seguito dell’alluvione che ha colpito l’intera regione e, in particolare, il territorio lametino nella notte tra il 4 e il 5 ottobre scorso.

Abitazioni, macchinari all’interno dei laboratori, muri crollati, impianti di gas trasportati via dall’acqua, macchine agricole, serre e uffici interamente ricoperti da centimetri di fango.

L'edizione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione cartacea della Gazzetta del Sud - edizione di Catanzaro.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook