Martedì, 19 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cosca Bonavota di Sant'Onofrio, 2 fratelli capo clan irreperibili dopo la condanna all'ergastolo
'NDRANGHETA

Cosca Bonavota di Sant'Onofrio, 2 fratelli capo clan irreperibili dopo la condanna all'ergastolo

clan Bonavota sant'onofrio, Domenico Bonavota, Domenico Febbraro, Francesco Salvatore Fortuna, Francesco Salvatore Fortuna. Giuseppe Lopreiato, NIcola Bonavota, Onofrio Barbieri, Pasquale Bonavota, Vincenzino Fruci, Catanzaro, Calabria, Cronaca
Clan Bonavota, chiesto il processo

Due fratelli irreperibili mentre per un terzo l’ordinanza di carcerazione è stata eseguita.

A pochi giorni dalla condanna all’ergastolo, al termine del processo con rito abbreviato scaturito dall’operazione Conquista, hanno fatto perdere le loro tracce Domenico e Pasquale Bonavota ritenuti entrambi al vertice dell’omonimo clan di sant’Onofrio, centro del Vibonese.

I carabinieri di Vibo Valentia hanno eseguito invece gli ordini di carcerazione per Nicola Bonavota, 41 anni, fratello di Pasquale e Domenico, nonché nei confronti di Onofrio Barbieri, 38 anni, anch’egli di Sant’Onofrio.

Tutti e quattro sono stati condannati all’ergastolo dal gup distrettuale con sentenza esecutiva, che lo scorso 23 novembre ha invece inflitto 30 anni di carcere a Francesco Salvatore Fortuna (in carcere per altra causa).

Nove complessivamente gli imputati, giudicati con rito abbreviato, coinvolti nel duplice blitz Antimafia “Conquista 1 e 2”, scattato nel dicembre del 2016 e a giugno 2017, contro vertici e sodali del clan dei Bonavota, egemone a Sant’Onofrio e Maierato, nel Vibonese il pubblico ministero Antonio De Bernardo davanti al gup del Tribunale di Catanzaro Barbara Saccà aveva chiesto il carcere a vita per 5 imputati e condanne comprese tra i 5 e 2 anni di reclusione per gli altri quattro.

In particolare aveva invocato l’ergastolo per i fratelli Domenico Bonavota, (38 anni) di Sant’Onofrio; Pasquale Bonavota, (43 anni) di Sant’Onofrio; Nicola Bonavota, (41 anni) di Sant’Onofrio; Francesco Fortuna, 37 anni di Sant’Onofrio e Onofrio Barbieri, 37 anni di Sant’Onofrio.

L’unico ad evitare il carcere a vita è stato quindi Francesco Fortuna. Pene leggermente ridotte rispetto alla richiesta del pm antimafia per Domenico Febbraro, (24 anni) di Sant’Onofrio, Vincenzino Fruci, (41 anni) di Curinga e Giuseppe Lopreiato, (23 anni) di Sant’Onofrio. Nei loro confronti la richiesta era di 5 anni e 4 mesi ciascuno.

Ai vertici e affiliati del clan Bonavota, la Dda contesta una sfilza di reati che vanno, a vario titolo, dall’associazione a delinquere di stampo mafioso, alla detenzione e porto d’armi comuni e da guerra, dalla ricettazione in concorso ai danneggiamenti ai danni di due aziende facenti parte del gruppo Callipo.

In particolare l’intimidazione a colpi di arma da fuoco nel 2004 alla “Giacinto Callipo converse alimentari spa” e nell’aprile del 2016 al complesso residenziale “Popilia Country Resort”.

Gli imputati devono inoltre rispondere a vario titolo di due omicidi, quello di Raffaele Cracolici, alias “Lele Palermo”, freddato il 4 maggio 2004 a colpi di arma da fuoco a Pizzo Calabro (delitto per il quale Domenico Bonavota vera stato assolto con sentenza passata in giudicato) e quello di Domenico Di Leo, alias “Micu Catalanu”, ucciso a Sant’Onofrio in via Tre Croci il 12 luglio 2014.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook