Lunedì, 17 Dicembre 2018
stampa
Dimensione testo
COMMISSIONE PREFETTIZIA

Quinta Bolgia, l'Asp di Catanzaro passata al setaccio per le infiltrazioni della 'ndrangheta

di
asp, catanzaro, prefettura, quinta bolgia, Francesca Ferrandino, Lucia Iannuzzi, Massimo Ribaudo, Michele Di Nunno, Catanzaro, Calabria, Cronaca
L'Asp di Catanzaro

Quattro anni di appalti, acquisti, determine e delibere, la scalata alla montagna di documenti dell’Asp di Catanzaro è appena iniziata. La commissione d’accesso, nominata dal prefetto Francesca Ferrandino dopo il terremoto giudiziario innescato dall’inchiesta “Quinta Bolgia”, dovrà passare al setaccio quasi un lustro di gestione della sanità pubblica catanzarese.

A verificare la presenza di eventuali irregolarità o peggio di infiltrazioni della criminalità organizzata sarà una triade di esperti. Ci sarà il vice prefetto nonché capo di gabinetto della Prefettura di Catanzaro Lucia Iannuzzi; il tenente colonnello del Gico della Guardia di Finanza, Michele Di Nunno che ha partecipato da protagonista all’indagine coordinata dalla Dda di Catanzaro; il tenente colonnello dell’Arma dei carabinieri Massimo Ribaudo che da circa un anno guida il gruppo carabinieri di Lamezia Terme e quindi ben conosce le capacità imprenditoriali della cosca Iannazzo - Cannizzaro - Da Ponte che, stando alle risultanze dell’operazione Quinta Bolgia, avrebbe controllato le società che gestivano il servizio di ambulanze per conto dell’Asp.

Leggi l’articolo completo su Gazzetta del Sud – edizione Catanzaro in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X