Sabato, 21 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo
PIANO STRUTTURALE

Il futuro urbanistico di Giovino in aula, tra scontri e l'ombra di nuove speculazioni edilizie

di
consiglio comunale, giovino, urbanistica, Catanzaro, Calabria, Cronaca
L'area di Giovino, uno dei polmoni-verdi di Catanzaro

Nervosismo e tensione sul destino urbanistico di Giovino hanno connotato la conferenza dei capigruppo che ieri pomeriggio si è tenuta in presenza del sindaco Abramo, promotore della riunione. Un copione già noto, visto che da decenni la materia è oggetto di interessi enormi, terreno di tentativi reiterati di speculazione edilizia e pressioni politico-elettorali che automaticamente si fanno più incalzanti quanto più si avvicina - come ora - l’appuntamento con le urne.

Anche ieri sono circolati veleni, a partire dalle illazioni sulla mancata presenza dell’assessore e del dirigente all’Urbanistica, che forse era normale ma che alcuni consiglieri hanno interpretato come segnale di non condivisione del progetto di Abramo, che è quello di una tripartizione dell’area, sulla base delle “famose” tre fasce del vecchio Prg, in zona turistica, commerciale e, nell’area di Bellino, aperta a soluzioni di sviluppo da individuarsi attraverso un concorso internazionale di idee.

Nettamente contrari alla creazione di un’area commerciale gli esponenti della minoranza, propensi alla realizzazione, nel “polmone verde” di Giovino, di sole strutture turistico-ricettive come alberghi, campi da gioco, aqua-park ed altre attività apportatrici di indotto.

Leggi l’articolo completo su Gazzetta del Sud – edizione Catanzaro in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook