Giovedì, 21 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
IL GIALLO

Limbadi, Maria Chindamo scomparsa. Il fratello dopo la lettera: è di qualcuno che la conosceva

di
giallo limbadi, lettera chindamo limbadi, scomparsa maria chindamo, Maria Chindamo, Catanzaro, Calabria, Cronaca
Maria Chindamo

I contenuti della lettera recentemente spedita a Nicodemo Gentile, legale della famiglia di Maria Chindamo, l'imprenditrice 44enne di Laureana di Borrello scomparsa quasi tre anni fa in contrada “Montalto” di Limbadi, rilanciano indagini e ricerche facendo ritenere vicina la soluzione del misterioso caso.

Nuovi spunti, circostanze specifiche e dettagliate, movente ben definito, luoghi indicati con chiarezza. Chi mette nero su bianco «è persona che conosce bene l'ambiente che ruotava attorno a Maria - sostiene il fratello Vincenzo - è qualcuno che è vicino alla famiglia o è vicino agli assassini».

Vincenzo, riporta la Gazzetta del Sud in edicola, è ormai convinto che sua sorella abbia pagato con la vita la sua voglia di ribellarsi e di non chiudersi in se stessa dopo la morte del marito scommettendo su una nuova vita e su nuovi sentimenti.

Per certo, la lettera infrange il muro d'omertà e chi scrive non sembra essere né millantatore né un mitomane. Piuttosto dà l'impressione di volersi liberare di un peso di coscienza mettendo la magistratura nelle condizioni di chiudere il cerchio.

I familiari sono convinti che la donna sia stata vittima di un'assurda vendetta.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook