Domenica, 16 Giugno 2019
stampa
Dimensione testo
IL GRUPPO VIBONESE

La faida fra i Mancuso scoperta grazie al primo pentito della cosca

'ndrangheta, cosca mancuso vibo, dia catanzaro, Cosmo Michele Mancuso, Emanuele Mancuso, Francesco Mancuso, Raffaele Fiamingo, Catanzaro, Calabria, Cronaca
La scena dell'omicidio di Raffaele Fiamingo

L’operazione «Errore fatale», condotta dalla polizia di Vibo Valentia e dallo Sco contro la cosca di 'ndrangheta dei Mancuso, si basa anche sulle rivelazioni di alcuni collaboratori di giustizia, uno dei quali, Emanuele Mancuso, è stato il primo pentito nella storia ultradecennale del gruppo criminale vibonese.

Emanuele Mancuso, che collabora con la giustizia dal giugno del 2018, è il nipote di Francesco Mancuso, ferito nel luglio del 2003 nell’agguato a Spilinga in cui fu ucciso Raffaele Fiamingo.

Francesco Mancuso e Fiamingo, nel momento dell’agguato, erano insieme. Contro i due, secondo quanto è emerso dalle indagini, fu attuata una vendetta perché avrebbero tentato di compiere un’estorsione (il cosiddetto "errore fatale" che ha dato il nome all’operazione) ai danni di una panetteria a Spilinga malgrado si sapesse che quell'esercizio commerciale era sotto la protezione di un altro ramo della cosca Mancuso.

'Ndrangheta, arresti nella cosca Mancuso: scoperti gli autori di un omicidio - Nomi e foto

Tra i boss della cosca Mancuso che diedero il loro "placet" alla punizione nei confronti dei due responsabili dello sgarro ci fu, secondo l’accusa, Cosmo Michele Mancuso, che non esitò a dare il suo assenso malgrado Francesco Mancuso fosse suo nipote.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook