Martedì, 19 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
LA SCELTA

La bomba a Limbadi, il Comune commissariato chiede di essere parte civile

autobomba limbadi, Matteo Vinci, Sara Scarpulla, Catanzaro, Calabria, Cronaca
L'autobomba di Limbadi

Via libera della Commissione straordinaria, alla guida del Comune di Limbadi - dopo lo scioglimento del Consiglio per infiltrazioni mafiose – al conferimento di una procura speciale all’avvocato Giulio Ceravolo per la costituzione di parte civile nel processo per l'autobomba che dilaniò Matteo Vinci a Limbadi il 9 aprile 2018.

Una deliberazione che giunge a processo già aperto (dal 17 settembre dinanzi alla Corte d’Assise di Catanzaro che ora dovrà valutare l'ammissibilità quale parte civile del Comune) nella quale i commissari scrivono di avere già condannato il grave atto criminale e l'impegno e la convinzione "a svolgere quanto di competenza per la costituzione in giudizio del Comune di Limbadi, a testimonianza della sicura vicinanza ai parenti della vittima ed a tutela dell’immagine della comunità locale” e per cui all'udienza del prossimo 14 ottobre è stato dato mandato al legale di intervenire.

Processo per cui aveva alzato la voce la madre del giovane biologo, Sara Scarpulla che proprio insieme al legale Giuseppe De Pace aveva denunciato l'isolamento in cui erano stati lasciati, considerato che non era stata presentata alcuna richiesta di costituzione di parti civili da parte di enti ed associazioni.E proprio nella prima udienza lo scorso 17 settembre la signora Scarpulla aveva voluto sottolineare:

Autobomba di Limbadi, in cinque a giudizio per l'omicidio del biologo - Nomi e Foto

"questa aula vuota è il segno di quello che abbiamo dovuto combattere fino adesso, l’omertà anche delle istituzioni. Davanti a questi comportamenti - aggiunge - come si pretende che i cittadini si espongano alla violenza dei clan. Ma le dico una cosa, non ci servono le parti civili, abbiamo il nostro avvocato Giuseppe Antonio De Pace e un pubblico ministero (Andrea Mancuso, ndr) molto preparato. Io – chiosava Rosaria Scarpulla - ho ancora la forza di cento persone per combattere fino a quando non otterremo giustizia per mio figlio Matteo".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook