Lunedì, 06 Aprile 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca La statua rimossa a Guardavalle, i Gallace: non sapevamo nulla
LA LETTERA

La statua rimossa a Guardavalle, i Gallace: non sapevamo nulla

di

«Non eravamo a conoscenza, così come anche tante altre istituzioni del territorio dell’incisione, fino alla messa in onda del servizio». A parlare così è la famiglia Gallace di Guardavalle, a proposito della discussa targa recante l’incisione “dono della famiglia Gallace” posta ai piedi della statua raffigurante il patrono Sant’Agazio che, fino al dicembre scorso, era posizionata davanti al municipio, divenuta un caso nazionale dopo la messa in onda del servizio di “Striscia la notizia”, approdato anche in Parlamento con un’interrogazione della deputata Wanda Ferro di Fratelli d’Italia.

In una lettera firmata e indirizzata sia al sindaco Pino Ussia che al comandante della Stazione di Guardavalle Massimo Scalinci, alcuni componenti della famiglia Gallace, ritenuta dagli inquirenti una delle più potenti locali di ’ndrangheta, con ramificazioni in Lombardia e Lazio, hanno espresso il loro disappunto per l’intera vicenda e per quelle che definiscono strumentalizzazioni mediatiche, avvenute dopo la messa in onda del servizio dell’inviato Vittorio Brumotti, secondo le quali «tutti soggetti portatori di questo cognome – scrivono i firmatari – venivano chiaramente qualificati come delinquenti e capaci di imporre alla cittadinanza financo un simbolo di religiosità».

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola, edizione di Catanzaro

Via la statua dei boss a Guardavalle: le foto della rimozione

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook