Mercoledì, 27 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Il cadavere nei boschi a Gerocarne, il giallo delle tracce lasciate per ritrovarlo
VIBO VALENTIA

Il cadavere nei boschi a Gerocarne, il giallo delle tracce lasciate per ritrovarlo

di

La 'ndrangheta non lascia tracce, anzi le cancella. Fa scomparire e basta. Eppure, questa volta, nella terra di mezzo tra i boschi di Ariola e Ciano, eletta a “cimitero” delle lupare bianche, una traccia è stata lasciata. Anche grande considerato che sopra la fossa in cui è stato rinvenuto il cadavere di un uomo era stata posizionata la scocca di una 500 di colore rosso. Una sorta di segnavia per orientarsi nella fitta boscaglia, ma soprattutto per individuare il punto esatto della sepoltura.

Un elemento - se la carcassa dell'auto fosse stata posizionata proprio per questo motivo - discordante con le “tecniche” delle cosche che, al contrario, hanno tutto l'interesse a far sparire definitivamente i corpi delle vittime, a cancellarne la memoria. Eppure nei boschi di Gerocarne, spesso crocevia di cruenti agguati e di regolamenti di conti, qualcuno ha segnato il punto in cui si trovava il cadavere dell'uomo rinvenuto mercoledì scorso dagli uomini della Squadra mobile e dalla Procura di Vibo. Una circostanza che restringerebbe di molto il raggio sull'identità della vittima.

L'edizione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione cartacea della Gazzetta del Sud - edizione di Cosenza

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook