Sabato, 24 Settembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Inchiesta Corvo a Catanzaro, ecco lo sfogo di Parente
L'INDAGINE

Inchiesta Corvo a Catanzaro, ecco lo sfogo di Parente

di
Le carte dell’inchiesta vedono indagati l’ex presidente dell’Us e due consiglieri comunali
inchiesta corvo, vivere insieme, claudio parente, Francesco Gironda, Lorenzo Costa, Catanzaro, Cronaca
L’area del quartiere Corvo a Catanzaro concessa all’associazione Vivere Insieme

«Fatti dire tutto quello che ci fa e tutto quello che lui pretende». Così si sfogava al telefono l’ex consigliere regionale Claudio Parente con Lorenzo Costa capogruppo in Consiglio comunale di Officine del Sud, sua creatura politica. Il dialogo aveva al centro il comportamento del consigliere Francesco Gironda. Era il 23 marzo 2020, Parente non sapeva di essere indagato dalla Procura e soprattutto di essere intercettato dalla Guardia di Finanza. Ora quel dialogo è finito nelle carte dell’inchiesta “Corvo” culminata con il sequestro di 37mila euro, ossia la cifra erogata dal Consiglio regionale al fratello di Gironda e alla compagna di Pisano assunti nella struttura di Parente.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook