Mercoledì, 05 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Peculato e corruzione a Catanzaro: chiesto il processo per Parente, Pisano e Gironda
L'INCHIESTA

Peculato e corruzione a Catanzaro: chiesto il processo per Parente, Pisano e Gironda

di
La Procura insiste nelle accuse ai tre esponenti del centrodestra che devono rispondere di peculato e corruzione nell’inchiesta Corvo
Catanzaro, Cronaca
Claudio Parente

Il 18 novembre compariranno davanti al gup Alfredo Ferraro l’ex consigliere regionale di Forza Italia Claudio Parente e i due consiglieri comunali di maggioranza Giuseppe Pisano e Francesco Gironda, entrambi eletti nel civico consesso nella lista “Officina del Sud”, il movimento fondato proprio da Parente.

Il procuratore capo Nicola Gratteri, l’aggiunto Giancarlo Novelli e il sostituto Graziella Viscomi hanno firmato la richiesta di rinvio a giudizio per i tre politici coinvolti nell’inchiesta “Corvo” condotta dalla Guardia di Finanza. Gli inquirenti hanno ribadito le accuse di peculato per Parente e di corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio per Pisano e Gironda. L’indagine ha al centro la convenzione firmata tra l’amministrazione comunale e la “Vivere Insieme” società fondata da Parente e di cui il politico, nonostante le dimissioni, avrebbe mantenuto secondo l’accusa la gestione e il controllo.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook