Domenica, 28 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Lamezia, megatruffa per ottenere il bonus Covid: coinvolti ambulanti (ignari) e avvocati
CORONAVIRUS

Lamezia, megatruffa per ottenere il bonus Covid: coinvolti ambulanti (ignari) e avvocati

di
Lamezia, gli imprenditori Molinaro hanno messo in atto una frode da 110 milioni. Avrebbero sfruttato i benefici dei decreti Rilancio e Cura Italia
Catanzaro, Cronaca
Gdf

Non esattamente una delle tante operazioni contro i cosiddetti «furbetti del bonus Covid», ma una «gigantesca frode ai danni dell’erario» associata a «una truffa plurimilionaria» a danno di colossi del calibro di Groupama e Poste Italiane.
È quella che avrebbe messo in piedi, secondo i pubblici ministeri della Procura di Roma Maria Sabina Calabretta e Alessandro di Taranto, una holding imprenditoriale gestita da alcuni lametini e finita al centro di un sequestro da oltre 110 milioni di euro, con l’iscrizione nel registro degli indagati di tredici persone, quasi tutte nate tra Lamezia, Feroleto Antico e Catanzaro: Roberto Molinaro e i figli Samuele, Veronica e Angelino, Stefania Molinaro, Eleonora Petruzza, Florinda e Valentina Stefanizzi, Alfonso Pagano, Emanuele Campana, Pasquale Barra, Agostino e Giulia Carnovale.
Sono tutti accusati di truffa aggravata in concorso e di reati tributari in relazione al sistema che, secondo la Procura della capitale, sarebbe stato messo in piedi attorno alla società “Crescita Italia”, fondata poco prima di Ferragosto del 2020 e passata da 1,5 milioni di euro di fatturato relativo agli ultimi 4 mesi del 2020 fino a quasi 63 milioni nei primi 10 mesi del 2021.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook