Mercoledì, 01 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Catanzaro, procedura “errata” sull'Azienda unica
SANITÀ

Catanzaro, procedura “errata” sull'Azienda unica

di
Il prof Jorio, membro della commissione paritetica, conferma la necessità di un Dpcm per la “Mater Domini”
Catanzaro, Cronaca
Uno scorcio del Policlinico universitario di Catanzaro

La soluzione all’assenza del Dpcm costitutivo dell’Azienda ospedaliero-universitaria “Mater Domini” è davanti agli occhi di tutti da aprile, all’interno del Programma operativo regionale 2022-2025 (articolo 10.1) presentato dalla Regione Calabria al Tavolo Adduce (e non ancora approvato).
«Invece di mettersi le mani sulla testa come avevano fatto i precedenti 16 governatori e 5 commissari ad acta, il presidente Occhiuto ha indicato la strada prevedendo l’adozione di un nuovo Dpcm di conversione dell’atto nullo che costituiva l’Azienda ospedaliera in questione e sanare i provvedimenti adottati in carenza di attribuzione e le obbligazioni assunte», spiega il professore Ettore Jorio, docente di Diritto civile della Sanità all’Unical, consulente in materia giuridico-sanitaria proprio di Occhiuto e componente (in quota Cittadella) della commissione paritetica che ha redatto (ma senza la sua firma) il protocollo d’intesa fra Regione e Università “Magna Graecia” per la realizzazione dell’Azienda unica “Dulbecco” tramite fusione per incorporazione del “Pugliese-Ciaccio” nella “Mater Domini”.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook