Mercoledì, 03 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società A Catanzaro il progetto d'integrazione con la cultura marocchina
SOLIDARIETÀ

A Catanzaro il progetto d'integrazione con la cultura marocchina

di
Si è conclusa l'iniziativa "Salviamo il Natale dal Covid" realizzata dall’associazione Tribunale per la difesa dei diritti del Minore. Ecco i numeri vincenti della riffa

Venerdi 15 gennaio 2021 si è concluso, nella sede operativa dell’Associazione Tribunale per la difesa dei diritti del Minore il progetto "Salviamo il Natale dal Covid". L’ iniziativa ha avuto per protagoniste alcune mamme di origine marocchina e Andrea Bressi, cantastorie di tradizioni calabresi. L’ incontro è iniziato con un breve momento interculturale e a seguire si è svolta la riffa con l’estrazione dei numeri vincenti. Il laboratorio interculturale attivo nell'associazione da marzo 2020 intende «creare un ponte tra la cultura calabrese e la cultura marocchina percorrendo la strada della conoscenza delle due culture, del confronto e del rispetto intesi come arricchimento reciproco, fino a giungere, nel tempo, a una reale integrazione sociale» come dichiara Fatima, la mediatrice culturale del Tribunale per la difesa dei diritti del Minore. In questo caso, l’interculturalità è stata rappresentata da Andrea Bressi attraverso canti che richiamano le tradizioni calabresi e da un video che raccoglie immagini e tradizioni del Marocco. La riffa, utilizzata come strumento per collocare le creazioni (fioriere e tavolino), realizzate nel mese di dicembre, dalle mamme seguite dal Tribunale per la difesa dei diritti del Minore ha superato ogni aspettativa. Il cuore dei catanzaresi, ancora una volta, ha prevalso per solidarietà, abbattendo ogni confine e ogni pregiudizio, consentendo in tempi brevissimi, di realizzare sold-out dei 500 biglietti messi in vendita. Inoltre, l’iniziativa progettuale, nata con l'obiettivo di accogliere e colmare bisogni di sostentamento economico delle famiglie, aggravate ancora di più dalla pandemia, ha allontanato solitudine e tristezza, cosi come dichiarato dalle nostre giovanissime artigiane consentendo loro di uscire dalla routine giornaliera, realizzando occasioni concrete di socializzazione, di divertimento, di arricchimento culturale frutto dell'incontro e della conoscenza della cultura marocchina e cultura calabrese. «I risultati ottenuti- cosi dichiara la presidente del Tribunale per la difesa dei diritti del Minore, Daniela Fulciniti - ci incoraggiano ad andare avanti augurando di poter ancora continuare ad offrire concrete esperienze lavorative realizzando, per loro, quanto sostiene Papa Francesco: "È il lavoro a dare speranza e non l'assistenzialismo"».

Numeri vincenti della riffa del Tribunale per la difesa dei diritti del Minore

1 Premio Fioriera n. 50 blocchetto verde,

2 Premio Fioriera n. 78 blocchetto rosa,

3 Premio Fioriera n. 4 blocchetto blu,

4 Premio Fioriera n. 98 blocchetto giallo,

5 Premio Fioriera n. 7 blocchetto bianco,

6 Premio Tavolino n. 9 blocchetto verde.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook