Lunedì, 27 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Giornata storica per Vibo Marina: demolito manufatto abusivo al Pennello

Giornata storica per Vibo Marina: demolito manufatto abusivo al Pennello

Giornata storica per Vibo Marina. Il quartiere Pennello, caratterizzato da un abusivismo selvaggio, è stato teatro questa mattina di una demolizione di un manufatto in via Torino. Una costruzione che avrebbe dovuta essere demolita, con tanto di ordinanza datata 1991. E dopo 30 anni si inizia a vedere, dunque, la luce in una porzione di territorio in cui l’erosione costiera la fa da padrone insieme all’abusivismo.

Avrebbe dovuto essere abbattuto anche lo storico chiosco di piazza Capannina, teatro del turismo estivo degli anni '70 a Vibo Marina, ma si aspetterà ancora per due ordini di motivi: dentro c’è un cittadino, Giuseppe Francolino, che non intende abbandonare la sua dimora. E inoltre, si attende il via libera per iniziare la demolizione anche in virtù della massiccia presenza di eternit sul tetto. Presenti, tra gli altri, il sindaco Limardo, il procuratore Falvo ed il prefetto Lulli.

La replica degli avvocati di Giuseppe Francolino: "Rimaniamo in attesa della notifica dell'atto di demolizione"

In relazione alla mancata demolizione del chiosco azzurro in località Capannina gli avvocati Giovanna Fronte e Marco Talarico precisano che il sig. Francolino rimane in attesa delle relazioni di notifica relative all'ordinanza di demolizione nr. 11 del 2020 emessa dal Comune di Vibo Valentia. Ed infatti, nonostante l’accesso agli atti amministrativi e rilascio di copie, ad oggi risulta mancante la notifica dell’atto di demolizione che si voleva portare a compimento in maniera forzosa. Stando così le cose si è precluso a Francolino, che ha dichiarato di non aver mai ricevuto avviso degli atti, la possibilità, prevista per legge, di ricorrere presso la competente autorità amministrativa. Nonostante la presenza dei funzionari del Comune anche questa mattina, su espressa richiesta del proprietario del chiosco, gli stessi non sono stati in grado di esibire le ricevute di ritorno degli atti di demolizione. Stando così le cose si rileva la assoluta inefficacia del procedimento amministrativo a cui è conseguito la sospensione odierna della demolizione.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook