Lunedì, 05 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca 'Ndrangheta a Vibo, il video dell'arresto dei latitanti Salvatore Morelli e Domenico Tomaino

'Ndrangheta a Vibo, il video dell'arresto dei latitanti Salvatore Morelli e Domenico Tomaino

Intorno alle 21 di ieri sera il blitz dei carabinieri del comando provinciale di Vibo nelle viuzze di Conidoni di Briatico che ha portato all'arresto dei due esponenti delle 'ndrine vibonesi sfuggiti alla cattura il 19 dicembre 2019 nell'ambito della maxi operazione Scott-Rinascita

Grande operazione del Comando provinciale di Vibo Valentia, agli ordini del comandante Bruno Capece, con oltre 40 carabinieri impiegati. A distanza di due anni da quando scattò la maxi operazione Scott Rinascita sono finiti nella rete due latitanti: si tratta di Salvatore Morelli, detto "Turi l'Americano", e il cognato Domenico Tomaino. I due latitanti sono stati fermati a 4 km da Briatico, a Conidoni, in un'abitazione dove si nascondevano. Si tratta di una casa utilizzata come deposito. Salvatore Morelli è nato a Vibo il 13 ottobre del 1983, ritenuto esponente di primo piano della ‘ndrina dei “Ranisi”; Domenico Tomaino, alias “il Lupo”, 29 anni di Vibo. È accusata di favoreggiamento personale la donna trovata dai carabinieri nell'abitazione di Conidoni di Briatico dove si nascondevano i due latitanti arrestati ieri sera. Angela Cusa si trova ora ai domiciliari.

Lo hanno cercato, lo  hanno braccato più volte, ma senza fortuna. Questa sera il colpo. Le parole di Raffaele Moscato, sicario del clan dei Piscopisani, oggi pentito eccellente, che nei mesi scorsi aveva dichiarato come «il vero criminale, diciamo, criminale proprio, è Salvatore Morelli», bastano per spiegare chi sia uno dei più pericolosi latitanti in circolazione, colui il quale - alla luce delle rivelazioni del collaboratore di giustizia - avrebbe lo spessore delinquenziale per diventare il nuovo boss di una città, Vibo Valentia. A parlare di Morelli anche il pentito Andrea Mantella: “Posso affermare – racconta il pentito – che, quando sono stato carcerato per l’ultima volta, sul territorio il potere lo lasciai a Salvatore Morelli. Ha una mentalità imprenditoriale, una mentalità strategica. Ha studiato, insomma. A me il Morelli stava benissimo perché si sapeva muovere in tutti gli ambienti: meno azionista, meno sanguinario, ma più, più, più intelligente di altri”. Fino a stasera latitante, come Pasquale Bonavota, l’altro grande ricercato sfuggito alla cattura nella lunga notte di “Rinascita Scott”.

Poche parole per il comandante Bruno Capece, nei frangenti conclusivi dell'operazione: "Domani daremo tutti i dettagli dell'operazione, ci siamo fatti un bel regalo per Vibo". Sul posto anche il capitano Alessandro Bui, comandante del nucleo investigativo. In considerazione della particolare conformazione dell’area di operazioni, l’intervento ha comportato l’impiego di personale dei Cacciatori di Calabria, del Nucleo Investigativo Provinciale, del Raggruppamento Operativo Speciale e del Gruppo di Intervento Speciale dei Carabinieri che hanno agito con straordinaria professionalità.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook