Martedì, 06 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Mileto, il Vescovo Nostro annuncia l'apertura della Chiesa Natuzza

Mileto, il Vescovo Nostro annuncia l'apertura della Chiesa Natuzza

Importante annuncio di Mons. Attilio Nostro, in occasione della Messa di Quaresima a Mileto. Il Vescovo di Mileto Nicotera Tropea, con accanto il presidente della Fondazione Pasquale Anastasi, ha comunicato che la Chiesa Natuzza sarà aperta il 6 agosto 2022. Una notizia accolta con grande entusiasmo e dall'applauso dei tantissimi fedeli presenti in chiesa.

La lettere del Vescovo Attilio Nostro

Care Sorelle e Cari Fratelli in Cristo,
in questi giorni un articolo del Catechismo della Chiesa Cattolica (art. 760) mi sta guidando nella preghiera personale. È una sintesi mirabile che traduce tutta la dinamica della storia della salvezza in poche righe, dandoci la possibilità di riflettere sul compito che la Chiesa Sposa è chiamata a realizzare secondo il cuore di Dio Sposo.

«Il mondo fu creato in vista della Chiesa», dicevano i cristiani dei primi tempi. Dio ha creato il mondo in vista della comunione alla sua vita
divina, comunione che si realizza mediante la «convocazione» degli uomini in Cristo, e questa «convocazione» è la Chiesa. La Chiesa è il fine di tutte le cose e le stesse vicissitudini dolorose, come la caduta degli angeli e il peccato dell'uomo, furono permesse da Dio solo in quanto occasione e mezzo per dispiegare tutta la potenza del suo braccio, tutta l'immensità d'amore che voleva donare al mondo: «Come la volontà di Dio è un atto, e questo atto si chiama mondo, così la sua intenzione è la salvezza dell'uomo, ed essa si chiama Chiesa».

In questa giornata segnata dal primo incontro tra il Vescovo e tutte le comunità parrocchiali coi loro pastori, il Magistero della Chiesa ci guida verso una sempre maggiore coscienza del mistero grande a cui tutti noi siamo chiamati: la santità!
Ma in cosa consiste mai la santità, se non nell’assomigliare a Dio, al suo essere essenzialmente Unità (comunione di Amore) nella Trinità (delle Persone divine)? Assomigliare a Dio significa, pertanto, crescere nell’amore e nella comunione, questo è il destino di ogni uomo: lasciare entrare lo Spirito nella nostra natura umana, per farci da Lui trasfigurare ad immagine di Cristo sul Tabor!
“Siate santi, perché io, il Signore Dio vostro, sono santo” (Lv 19, 2).
I Padri dei primi secoli chiamavano questo processo con un termine preciso: “deificazione” (Theosis) che consiste proprio nella somiglianza progressiva della nostra vita alla vita divina e beata di Dio, Uno e Trino, eterno Amore!

Gregorio Pàlamas, commentando la Trasfigurazione, scrisse:
“Che cosa significa fu trasfigurato? Significa che egli sollevò, per un po’, come gli parve bene, il velo della sua divinità, e ai suoi iniziati mostrò il Dio che dimorava in lui. E, mentre pregava, il suo volto cambiò d’aspetto, dice Luca; brillò come il sole, scrive Matteo […] Egli ci voleva mostrare che è la preghiera a procurare quella beata visione, e voleva che noi sapessimo che è mediante la vicinanza con Dio nella virtù, tramite l’unione con lui nello spirito, che quello splendore si produce e si manifesta, si offre a tutti ed è visto da tutti coloro che incessantemente tendono a Dio, assidui a compiere opere buone e la preghiera pura”.

La preghiera! Oggi in questa piazza risuona una preghiera di lode al Signore per ringraziare del dono della comunione tra Fondazione Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime e Diocesi di Mileto, Nicotera, Tropea. Dopo aver percorso insieme un cammino di conoscenza e reciproca stima, siamo finalmente giunti alla decisione di aprire questa chiesa per consacrarla e aprirla al culto e alla preghiera!
La trasfigurazione! È nostro vivo desiderio che in questa chiesa risuoni un forte appello a seguire Gesù Cristo per diventare, come Lui, Luce del mondo! La Serva di Dio Fortunata Evolo, “mamma Natuzza”, considerava sé stessa semplicemente come una messaggera che indicava e rimandava ogni fedele a Maria e a Cristo! Perché verremo in pellegrinaggio a Paravati? Quale sarà il dono di questo luogo che Dio consacrerà attraverso la Chiesa? Il dono di questo pellegrinaggio sarà la Luce della Trasfigurazione di Cristo che illumina le tenebre del mondo e dell’uomo!
“Siate santi, perché io, il Signore Dio vostro, sono santo” (Lv 19, 2). «Io sono la luce del mondo; chi segue me, non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita». (Gv 8,12).

Coloro che usciranno da questo luogo porteranno al mondo la Luce di Cristo Signore!

Per questo motivo vi do appuntamento sabato 6 agosto 2022 Festa della Trasfigurazione di nostro Signore Gesù Cristo per la consacrazione di questa meravigliosa chiesa!

Consentitemi di ringraziare tutti coloro che, a vario titolo, mi hanno assistito, sostenuto e incoraggiato con la loro preghiera in questo periodo: in primis i sacerdoti di questa bella Diocesi di Mileto Nicotera Tropea e in particolare don Pasquale Barone e don Michele Cordiano e poi la Fondazione Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime…ma desidero ringraziare soprattutto voi, fratelli e sorelle in Cristo che non avete mai smesso di pregare perché questo giorno benedetto arrivasse!
Ve ne sono grato, perché è la forza della preghiera e della fede che sposta le montagne!
È la forza che viene dalla grazia di Dio che ci aiuterà a diventare sempre di più ciò che già siamo: figli prediletti, amati da un Padre meraviglioso che ci ama immensamente, di un amore folle e bellissimo!

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook