Giovedì, 06 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Crotone si stringe attorno alla bara bianca della piccola ucraina Taisiia VIDEO

Crotone si stringe attorno alla bara bianca della piccola ucraina Taisiia VIDEO

Scappare dal proprio Paese per sfuggire alle bombe degli invasori e morire ad appena cinque anni in un luogo considerato sicuro. Lacrime, dolore e commozione nella Basilica Cattedrale di Crotone, dove padre Vasil Kulyanyak, guida spirituale della comunità ucraina crotonese, celebra i funerali della piccola Taisiia Marzeyiik, travolta e uccisa domenica sera da un furgone condotto da un diciottenne, ora in carcere per omicidio stradale aggravato.

La piccola comunità ucraina si è stretta attorno ai genitori della bimba che sulle rive dello Ionio ha incontrato un tragico destino che ha spento per sempre il suo luminoso sorriso. Palloncini azzurri, bianchi e gialli tenuti stretti nelle mani dai connazionali della piccola hanno fatto da ala al corteo preceduto dalla piccola bara bianca portata a spalle in Cattedrale.

Il sindaco Vincenzo Voce che ha espresso il cordoglio di tutta la città, alla mamma e il papà di Taisiia, sconvolti dal dolore, partecipa al funerale con tutte le autorità militari e civili guidate dal prefetto di Crotone, Maria Carolino Ippolito. Tra le volute d’incenso Padre Vasil col suggestivo rito greco-bizantino, recita antiche preghiere e litanie. Gli fanno da contraltare le voci dei fedeli ucraini che accompagnano il sacerdote nell’ultimo addio alla piccola Taisiia.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook