Mercoledì, 11 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
VIBO VALENTIA

Autobomba di Limbadi, altri tre indagati rimangono in carcere

di

Posizioni diverse, perché se la Cassazione annullando con rinvio davanti al Tdl l’ordinanza cautelare, ha aperto uno spiraglio per Lucia Di Grillo, 29 anni di Limbadi , lo stesso non può dirsi per gli altri indagati ritenuti, a vario titolo, responsabili dell’autobomba che il 9 aprile dello scorso anno ha ucciso Matteo Vinci, biologo, e ferito gravemente il padre Francesco.

La Suprema Corte, infatti, ha rigettato i ricorsi presentati dalla madre, dal padre e dal marito della Di Grillo (avv. Giovanni Vecchio), confermando l’ordinanza cautelare a loro carico. Restano dunque in carcere Rosaria Mancuso, di 63 anni (sorella di alcuni boss – ala ‘Mbrogghia – dell’omonima famiglia di ’ndrangheta), il marito Domenico Di Grillo, di 71 anni e il loro genero, nonché marito di Lucia, Vito Barbara di 28 anni.

L'articolo completo nell'edizione odierna di Reggio della Gazzetta del Sud.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook