Martedì, 19 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo

Cadavere del neonato in un sacco a Cirò, il cerchio si stringe su alcune badanti

di
neonato morto cirò, neonato sepolto, neonato sotterrato, Catanzaro, Calabria, Cronaca
Piazza Pugliese a Cirò. In fondo a destra la casa nel cui giardino è stato ritrovato il corpicino

«Abbiamo un’idea precisa su cui stiamo lavorando e confidiamo di delinearla già tra pochi giorni». Il comandante della compagnia dei carabinieri di Cirò Marina, il capitano Alessandro Epifanio, fa trapelare la fiducia nella soluzione, in tempi brevi, della brutta vicenda del cadavere del neonato rinvenuto martedì pomeriggio, in pieno centro a Cirò, nel Crotonese, dentro un sacco di plastica.

Aveva ancora il cordone ombelicale attaccato il piccolo: abbandonato nel giardino privato al quale si accede da una casa, in cui vive un’anziana di 95 anni, che si affaccia su piazza Pugliese.

Il terrazzino, in bilico sullo strapiombo sottostante, si raggiunge anche dall’esterno ma il percorso è così impervio da richiedere doti atletiche per coprirlo. Anche per questo, le indagini privilegerebbero la pista di persone che hanno frequentato la casa dell’anziana.

Un terrazzo a strapiombo difficile da raggiungere, ecco dove è stato trovato il bimbo morto nel sacco a Cirò - Foto

Tra queste, le badanti che vi si sono avvicendate, in particolare la penultima: una trentenne, forse ucraina, descritta come «molto bella, esile, schiva, silenziosa e solitaria»; la donna ha lavorato qui due mesi, fino a dicembre, poi è andata via e, al suo posto, è arrivata la badante attuale.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook