Mercoledì, 13 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
IL DRAMMA

Il giovane ferito a Piscopio, la famiglia: "Non siamo mafiosi, loro non donano gli organi"

di
omicidio, Salvatore Battaglia, Catanzaro, Calabria, Cronaca
Salvatore Battaglia

Silenzio e dolore, in attesa dell'autopsia, all'obitorio dell'ospedale Jazzolino, dove ieri è stata trasportata la salma di Salvatore Battaglia, il giovane ferito a colpi di pistola a Piscopio e deceduto a Catanzaro.

Nessuno, scrive la Gazzetta del Sud in edicola, riesce a capacitarsi del fatto che il giovane piscopisano non ci sia più. Ma se il dolore lacera l'anima, a fare ancora più male «è il fango che è stato buttato» sulla vittima. «Siamo molto indignati - sottolineano gli zii -. Nessun mafioso ha mai donato gli organi. Siamo stanchi di portare addosso tutti lo stesso marchio. Basta, ricollegare un innocente al cugino Rosario Battaglia, per il quale sarà la giustizia a fare il suo corso».

Ma è soprattutto Maria D'Angelo a ribadire che i valori della famiglia Battaglia sono fede, speranza e pace. «Noi non siamo mafiosi - aggiunge la ragazza -. I mafiosi non si alzano all'alba per andare a lavoro e non percepiscono a fine mese stipendi da fame.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook