Domenica, 15 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo
A COLPI D'ASCIA

Scandale, assassinò l'amico a causa di una donna: chiusa l'inchiesta sull'omicidio Lucante

omicidio di Scandale, omicidio Lucante, Andrea Corvino, Giovanni Lucante, giovanni voce, Catanzaro, Calabria, Cronaca
Giovanni Lucante e Giovanni Voce

Omicidio premeditato aggravato dalle condizioni di debolezza della vittima che sarebbe stato ubriaco. È l'accusa contestata dalla Procura al 31enne di Scandale Giovanni Voce, reo confesso dell'omicidio del 36enne Giovanni Lucante, assassinato a colpi di ascia lo scorso 17 gennaio nelle campagne di Corazzo di Scandale.

Il sostituto procuratore Andrea Corvino che ha coordinato le indagini sull'efferato delitto ha chiuso l'inchiesta sull'omicidio che scosse non poco la comunità di Scandale. Giovanni Lucante quel pomeriggio di gennaio venne colpito più volte al collo e alla nuca con un'ascia a manico corto. Per il pm il delitto maturato in un contesto passionale, come raccontò agli stessi militari Giovanni Voce, sarebbe stato preparato e premeditato.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud - edizione di Catanzaro in edicola. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook