Venerdì, 23 Luglio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Fratelli originari di Vibo Valentia uccisi in Sardegna: chiesti 20 anni per padre e figlio
IL PROCESSO

Fratelli originari di Vibo Valentia uccisi in Sardegna: chiesti 20 anni per padre e figlio

Davide Mirabello, Massimiliano Mirabello, Catanzaro, Cronaca
Davide e Massimiliano Mirabello

Una condanna a 20 anni per padre e figlio è stata chiesta oggi in tribunale a Cagliari, in abbreviato, per l’omicidio dei due fratelli Massimiliano e Davide Mirabello, 40 e 35 anni, allevatori originari di Vibo Valentia, scomparsi il 9 febbraio 2020 nelle campagne di Dolianova, nel Cagliaritano. Il loro corpi furono trovati solo il 3 aprile successivo. Gli imputati sono Joselito Marras, 58 anni, e il figlio Michael di 28, difesi dagli avvocati Maria Grazia Monni, Patrizio Rovelli e Fabrizio Rubiu, accusati di duplice omicidio volontario.
Il favoreggiamento è contestato, invece, al compaesano Stefano Mura, difeso dagli avvocati Gianfranco Trullu e Doriana Perra: aveva raccontato di aver trovato un coltello il giorno del delitto, ma poi ai carabinieri ne aveva consegnato un altro.
Il processo, che si celebra con rito abbreviato, si è aperto questa mattina, davanti al giudice Giorgio Altieri, con la requisitoria del pm Gaetano Porcu, che ha condotto le indagini e formulato le richieste di condanna: 20 anni per i Marras e 2 anni e 8 mesi per Mura.

La parola è poi passata agli avvocati di parte civile, ai quali sarà dedicata anche la prossima udienza, fissata per martedì 22 giugno, per proseguire con le arringhe della difesa. Per il 13 luglio sono previste le repliche e la sentenza.
I due fratelli di San Gregorio d'Ippona, ma trapiantati a Dolianova, nel Cagliaritano, erano spariti il 9 febbraio dell’anno scorso. Quel giorno, come ricostruito dai carabinieri, i Mirabello uscirono insieme in tutta fretta, uno di loro senza neanche portarsi appresso il cellulare. La loro auto fu ritrovata bruciata, e vicino alla loro abitazione fu trovato del sangue. Già nei giorni successivi alla scomparsa, denunciata dai familiari, gli inquirenti ipotizzarono il duplice omicidio. Secondo la ricostruzione degli investigatori, supportata dalle testimonianze di parenti e amici, tra i Mirabello e i Marras (che erano vicini di terreno), c'erano da tempo dei contrasti. Dissidi deterioriati quando i fratelli originari della Calabria trovarono un cane impiccato davanti a casa. Poi ci fu l’incendio di un motocarro e di un capanno di loro proprietà.
Secondo i Mirabello, i responsabili erano i Marras, quindi andarono da Michael, il più giovane, e lo picchiarono. Il 9 febbraio 2020, dopo un pranzo con amici, Davide incontrò i Marras e ci fu un alterco, con quella che raccontò essere l’ultima provocazione: uno sputo in terra davanti a lui. Dopo essere rientrato a casa, chiamò il fratello e, dopo essersi allontanati insieme in auto, i due sparirono.

Il 20 marzo successivo, Joselito e Michael Marras furono fermati come indiziati di delitto e poi condotti in carcere: nella Fiat Panda che padre e figlio usavano fu trovata una traccia di sangue di Davide Mirabello. I cadaveri delle due vittime furono poi scoperti solo il 3 aprile nella macchia mediterranea alla mercè dei cinghiali. Dall’autopsia emerse che Davide era stato ucciso con una fucilata al volto, mentre a Massimiliano era stato fratturato il cranio. A metà aprile i loro funerali si sono tenuti in Calabria.
Il 29 aprile scorso si è svolta l’udienza preliminare
calabresi trapiantati nell’isola. (AGI)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook