Lunedì, 27 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Orrori al cimitero di Tropea, restano in carcere i tre indagati
LA DECISIONE

Orrori al cimitero di Tropea, restano in carcere i tre indagati

Il Tribunale del Riesame di Catanzaro ha quindi confermato l’ordinanza del gip del Tribunale di Vibo Valentia che ha posto un primo punto fermo sull'indagine che mira a fare luce sullo scandalo della distruzione dei cadaveri all’interno del cimitero

Il Tribunale del Riesame di Catanzaro ha respinto i ricorsi dei tre indagati per lo scandalo del «cimitero degli orrori» di Tropea che ha portato alla scoperta della distruzione di diversi cadaveri e alla violazione dei sepolcri. Confermata l’ordinanza del gip del tribunale di Vibo Valentia e restano pertanto in carcere Francesco Trecate, 62 anni, custode del cimitero di Tropea, Salvatore Trecate, 38 anni (figlio di Francesco), e Roberto Contartese, 53 anni. Il Tdl ha quindi confermato l’ordinanza del gip del Tribunale di Vibo Valentia, Marina Russo, che ha posto un primo punto fermo sull'indagine che mira a fare luce sullo scandalo della distruzione dei cadaveri all’interno del cimitero di Tropea. In alcune occasioni, la Guardia di Finanza è riuscita a filmare la frantumazione delle bare con un’ascia e un piccone, in altri casi la frantumazione dei cadaveri a mani nude e poi con l’uso di seghe e coltelli, con successivo incenerimento dei resti posti in alcuni secchi neri. I cadaveri sarebbero stati spogliati, sezionati e in un caso il capo del defunto è stato mozzato «e mostrato a mò di trofeo».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook